lunedì 28 febbraio 2011

Coppe alla Crema Cappuccino e Cioccolato (La Cucina dei NaNi)


Buongiorno e buon inizio (piovoso) settimana!
Ecco tornata la rubrica dei NaNi, dove vi presento quello che io e la mia amica Nicoletta prepariamo durante i nostri incontri pasticciosi.
L'altra sera ci siamo incontrate un po' tardi, quindi abbiamo deciso di realizzare qualcosa di veloce ma goloso.
L'idea di queste coppe l'abbiamo presa dritta, dritta dalla rivista più Dolci. Sono deliziose, ma consigliamo di dividere la crema  in 8 coppe, anziché 4. Infatti, la quantità di crema per ogni coppa è tanta per una sola persona, sopratutto dopo una "bella" cenetta. Gli amici più golosi potranno sempre fare il bis.
Nel nostro precedente incontro abbiamo anche provato la oramai famosa torta sbrisolona con crema al limone di zia Dada. Non l'ho postata, perché la si trova un po' ovunque sul web e perché abbiamo ricopiato fedelmente la ricetta che troverete nel link di cui sopra. Cmq ve la consigliamo, era davvero buona!

Coppe alla Crema Cappuccino e Cioccolato (fonte: più Dolci)
Dose per 4 coppe (noi consigliamo 8)
- 500 g di latte
- 100 g di panna montata
- 50 g di caffè
- 4 tuorli
- 150 g di zucchero (consigliamo di ridurre un po' le dosi)
- 40 g di amido di mais
- 130 g di cioccolato fondente tritato
Decorazione
- 100 g di cioccolato bianco
- cacao
- polvere di caffè
- riccioli di cioccolato bianco

Pennellare l'interno delle coppe con il cioccolato bianco fuso; porre in frigo e lasciare raffreddare per 30 minuti.
Riscaldare il latte, il caffè e 50 g di zucchero. Montare i tuorli con lo zucchero rimasto, unire l'amido e stemperare il latte con il caffè. Far addensare la crema su fiamma bassa, mescolando di continuo.
Allontanare dal calore ed unire il cioccolato tritato.
Quando la crema si è raffreddata, incorporare la panna montata e riempire le coppe.
Decorare con il cacao, la polvere di caffè (noi omessa) e i riccioli di cioccolato bianco.
Porre in frigo prima di servire e buon appetito!

Con questa ricetta la cucina dei NaNi partecipa al contest di Crysania la fabbrica di cioccolato

venerdì 25 febbraio 2011

Polpette con Cuore Filante

 
Buon pomeriggio, oggi posto un pò più tardi, ma questa mattinata è volata via e non me ne sono proprio accorta.
Allora, oggi sono di polpette. Ne ho viste molte nella blogsfera e siccome me ne è venuta una voglia che non vi dico, l'altra sera le ho cucinate. In genere, quando preparo le polpette ci metto di tutto dentro, basandomi sempre su quello che trovo in frigo. Alla fine, delle semplici polpette diventano un vero e proprio piatto unico e mettendoci anche il pane nell'impasto, le accompagno solo con un contorno di verdure.
Quindi, come avrete capito, anche questa ricetta partecipa al contest di Eleonora dei piatti unici.
Buon fine settimana a tutti voi.



Polpette con Cuore Filante
- 350 g di macinato misto (bovino-suino)
- mollica di pane raffermo (io un panino da hot-dog)
- latte q.b.
- 1 uovo
- insaporitore per carni umide e stufate Ariosto
- prosciutto crudo a dadini
- formaggio grattugiato
- sottilette
- olio evo
- vino bianco

Ammorbidire il pane nel latte. Impastare la carne con il pane, l'uovo, l'isaporitore Ariosto, abbondante formaggio grattugiato e il prosciutto crudo a dadini. Formare le polpette, mettendoci al centro una striscia di sottiletta.
In un tegame antiaderente versare un filo di olio, un dito di acqua e 1/3 di un bicciere di vino bianco secco; come inizia a sobbollire, adagiarvi le polpette e cuocere a fiamma vivace.
Servire calde e buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Eleonora Piatti Unici

giovedì 24 febbraio 2011

Biscotti al Cacao Profumati all'Arancia


Buongiorno. Sorvolando sul bollettino meteo, tanto il tempo è come ieri, vi posto oggi la ricetta di questi buonissimi biscotti.
Vi avverto che l'impasto tende ad essere un pò sbriciolato, ma cmq non crea difficoltà per l'utilizzo delle formine che volete. Io ho usato quelle a luna, voi potete anche dare la forma al biscotto con le mani; ci vuole solo un pò di pazienza, ma il risultato è ottimo, i biscotti sono buonissimi con quel sottofondo di arancia e si conservano benissimo in scatole di latta.
Bacioni a tutti voi.

Biscotti al Cacao Profumati all'Arancia (fonte: Vero Cucina 2009)
- 250g di farina
- 125 g di burro
- 100g di zucchero
- 2 tuorli
- 30 g di cacao (io 50)
- 1 cucchiaino di lievito in polvere
- la buccia grattugiata di 1 arancia non trattata
- sale

Disporre a fontana la farina, il cacao, il lievito, il pizzico di sale e, al centro, il burro morbido a pezzetti. Impastare velocemente, fino ad ottenere un composto sbriciolato.
Unire i tuorli, lo zucchero e la scorza dell'arancia. Lavorare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo. Lasciare riposare l'impasto, avvolto in pellicola per alimenti, in frigo per 30 minuti.
Riprendere l'impasto e fare i biscotti della forma voluta.
Infornare i biscotti a 180°C, in forno già caldo, per 10-15 minuti.
A piacere, spolverare con lo zucchero a velo e buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Crysania La fabbrica di cioccolato



mercoledì 23 febbraio 2011

Barchette al Mascarpone e Gorgonzola

Buongiorno! Giornata ventilata oggi da me!
Oramai vi saluto sempre con il bollettino meteo delle mie zone.
Allora, ho comprato le formine per fare le barchette in pasta brisèe; sono comodissime, ci puoi mettere di tutto dentro e sono sfiziose per fare degli antipastini.
Approfittando del contest di Aria, ho voluto provare ad utilizzare il mascarpone in una ricetta salata; in genere lo uso solo per ricette dolci ed il contest di Aria, che prevede entrambe le sezioni (dolce e salata), ha stuzzicato la mia curiosità.
Ho mescolato il mascarpone a del gorgonzola e, per dare più colori, ci ho messo qualche foglia di radicchio rosso tagliata a listerelle piccolissime. Il contest prevede solo ricette vegetariane, per cui mi sono fermata qui, ma credo che qualche dadino di prosciutto cotto non ci stia tanto male. Inoltre, siccome il gorgonzola non piace proprio a tutti, lo si può sostituire, tranquillamente, con qualunque altro formaggio morbido, anche un pò particolare, tipo un formaggio con pera e frutta secca se avrete la fortuna di trovarlo.
Ancora buona giornata.

Barchette al Mascarpone e Gorgonzola
per 12-15 barchette
- Pasta briseè
- mascarpone
- gorgonzola
- radicchio (a piacere)
- olio

Ungere gli stampini per barchette con l'olio, disporvi la pasta brisèe, eliminando l'eccesso dal bordo, bucherellare il fondo con i rebbi di una forchetta, coprire con carta forno e riso. Infornare in forno caldo a 190°C per 10 minuti circa. Sfornare le barchette e farle raffreddare.
Preparare il ripieno ammorbidendo con un cucchiaio di legno il gorgonzola e aggiungere il mascarpone. Amalgamare bene.
Non ho indicato le quantità perchè questo dipende dai vostri gusti, io vi consiglio di aggiungere poco gorgonzola alla volta, assaggiate e regolatevi.
A piacere aggiungere qualche pezzetto di radicchio rosso.
Con la tasca da pasticcere riepire le barchette del composto preparato, guarnire con qualche foglia di prezzemolo e servire fredde. Buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Aria "sua morbidezza il mascarpone"

martedì 22 febbraio 2011

Rigatoni con Salsiccia e Peperoni

Buongiorno, oggi sole!!!!
Durerà????
Il primo piatto che vi propongo oggi, e che in molti conoscerete di sicuro, è un vero e proprio piatto unico, adatto al contest di Eleonora di Burro e Miele.
E' un primo completo, dove è presente la pasta, la carne e la verdura. Lo faccio spesso, perchè piace molto e, come sempre, è velocissimo da preparare.

Rigatoni con Salsiccia e Peperoni
dosi per 2 persone
- 180 g di rigatoni
- 2 salsicce
- 1 peperone rosso
- passata di pomodoro
- 1 aglio
- olio evo
- sale

In poco olio, soffriggere l'aglio con i peperoni, aggiungere la salsiccia spezzettata (togliendo l'aglio) e, quando si è ben rosolata, la passata di pomodoro. Aggiustare di sale, se necessario.
Cuocere la pasta, scolarla e terminare la cottura nella padella con il sughetto di peperoni e salsiccia.
Servire e caldo e buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Eleonora "Piatti Unici"


lunedì 21 febbraio 2011

Risotto con le Zucchine

Buongiorno e buon inizio settimana, anche se piuttosto piovosa.
Oggi vi propongo un risottino leggero, sano e nutriente. Lo faccio spesso, perchè oltre ad essere facile e veloce  da preparare è davvero molto buono e, credo, sia adatto  ad entrare nella raccolta di ricette proposta dall'amica SUNFLOWERS8 del blog oggi pane e salame, domani per il progetto di ILLA for people - APE-Onlus.
Si tratta di una bella iniziativa rivolta a raccogliere ricette adatte ad una dieta che le donne colpite da endometriosi (una malattia cronica che colpisce 3 milioni di donne in Italia), devono seguire.
Nel blog di SUNFLOWERS8  troverete gli ingredienti SI e quelli NO che possono rientrare nelle preparazioni.
Come mi ha fatto gentilemente notare l'amica SUNFLOWER58, il formaggio non può essere inserito nelle pietanze per questa raccolta, quindi, visto che l'ho usato per questo piatto, lo riporto tra parentesi.
Partecipate numerose, mi raccomando!

Risotto con le Zucchine
dosi per 2 persone
- 2 zucchine piccole
- qualche pomodoro pelato
- 200 g di riso
- 1 spicchio di aglio
- olio evo
- sale
- qualche foglia di basilico
- (formaggio grattugiato)

Soffriggere in poco olio evo le zucchine tagliate a dadini. Quindi passarle nel mixer.
Nella stessa padella, soffriggere l'aglio, che tolgo quasi subito, aggiungere i pomodori, salare e cuocere per una decina di minuti a fuoco lento.
Aggiungere il passato di zucchine e cuocere altri 5 minuti.
Cuocere il riso, scolarlo e passarlo nel sughetto preparato, a fuoco lento, per 2-3 minuti.
(Insaporire con abbonadante formaggio grattugiato).... e buon appetito!

Con questa ricetta partecipo al contest di SUNFLOWER58


A proposito, volevo ringraziare tutti voi per il nuovo traguardo che il mio blog ha raggiunto: più di 200 lettori!!!
Sono molto contenta, ogni giorno conosco persone e blog stupendi, mentre approfondisco la bella amicizia che è nata con alcune amiche blog.
In particolare il mio cuore  ed il mio pensiero è ora vicino ad una di loro: forza Ros!!!

venerdì 18 febbraio 2011

Biscotti Arlecchino

Biscotti carnevale

Buongiorno, anche oggi vi accolgo con un post tutto colorato.
L'impasto di questi biscotti l'ho preso da un numero di qualche anno fa di Vero Cucina.
Sulla rivista i biscotti erano dei quadrifogli bicolori (pasta frolla al cioccolato e pasta frolla semplice).
Visto l'avvicinarsi del Carnevale e l'invito al Contest di Martina Carnevale nel paniere, ho provato a colorare la pasta frolla per fare dei biscotti divertenti e colorati, adatti, insomma, a questa festività che tanto piace ai bambini.
I biscotti li ho realizzati con la mia nipotina Rossella che si è divertita ad impastare, a ritagliare e a mangiare.
La ricetta è buona e la colorazione della pasta non altera la morbidezza e la frollosità dei biscotti; io mi sono mantenuta sulle 4 tonalità, ma voi potrete utilizzare tutti i colori che volete, per creare biscotti ancora più colorati, anche perchè Arlecchino ha molti più colori.
Vi assicuro che, oltre ad essere divertenti ed allegri da preparare per i vostri bambini, fanno anche uno tira l'altro.
Eccovi la ricetta e ancora buona giornata.

Biscotti Arlecchino (fonte Vero Cucina del 2009)
- 350 g di farina
- 50g di cioccolato al latte (io fondente)
- 100 g di zucchero a velo (io semolato)
- 150 g di burro
- 2 uova
- 1 albume
- sale
- colori in gel

Mescolare il burro morbido a tocchetti con lo zucchero. Unire un uovo, un tuorlo ed un pizzico di sale. Impastare velocemente gli ingredienti in modo da ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
Sciogliere a bagnomaria il cioccolato fondente.
Dividere la pasta e colorare i 3/4 con i colori in gel, amalgamando bene i colori; incorporare il cioccolato sciolto al pezzo di frolla non colorato, amalgamando bene.
Far ripostare, in carta pellicola, in frigo per 30 minuti.
Riprendere l'impasto e fare dei rotoli di 2 cm di spessore. Disporre due rotoli colorati uno accanta all'altro premendo per farli aderire, pennellare la sueperficie con acqua e disporvi sopra altri due rotoli colorati.
Tagliare i biscotti con un coltello e aiutarsi con le mani per sistemare al meglio la forma del quadrifoglio.
Pennellare la superficie dei biscotti con l'albume leggermente sbattuto (io me ne sono diementicata), infornare in forno caldo a 180°C per 10-15m. Attenzione, non fatevi ingannare dai colori, sono biscotti che cuociono subito. Sfornare, raffreddare, gustare e buon appetito!







Con questa ricetta partecipo al contest di Martina Carnevale nel paniere

giovedì 17 febbraio 2011

Hamburger in Panino Pagliaccio per il Santa Lucia


Cari amici buongiorno.
Oggi vi saluto con un piatto pieno di colori e di allegria, come quella che vorrei trasmettere agli angioletti che ogni giorno frequentano il reparto di Neuro-fisiologia della Fondazione Santa Lucia.
Questa importante struttura rischia di chiudere per "carenza fondi"
Pensate, chiudere le porte di  un posto dove  tanti bambini e tante famiglie ritrovano il sorriso e l'allegria,  dove persone meravigliose (medici, fisioterapisti ed infermieri) danno la speranza di una vita normale a dei piccoli che hanno bisogno di essere aiutati.
Voglio essere ottimista e pensare che il Santa Lucia ce la farà, non chiuderà i battenti e continuerà a funzionare per tanti piccoli bambini.
Attraverso il mio blog voglio partecipare con questi simpatici panini alla lodevole raccolta di Caris, ringraziandola per averci fatto conoscere la sua storia e quella del piccolo Abertino. A lei ed al suo piccolo va il mio abbraccio affettuoso, che allargo a tutti i bambini che ogni giorno frequentano reparti come quello del Santa Lucia.
Non per ultimo auguro buon lavoro, adesso e per il FUTURO, al pesonale del reparto di neuro-fisiologia della Fondazione Santa Lucia.
Speriamo che chi di dovere faccia qualcosa!!

Hamburger in Panino Pagliaccio per il Santa Lucia
- Hamburger
- panini
- insalata riccia (per i capelli)
- Maiosese (per gli occhi)
- Ketchup (per il nasino colante)
- Salsa rosa  (per la bocca)

Sulla calotta superiore dei panini, disegnare il faccino del pagliaccio.
Inserire i pezzi di insalata riccia nel panino, appoggiandovi sopra l'hamburger grigliato. Chiudere delicatamente con la parte superiore che porta il faccino.
Mangiare, sporcarsi, divertirsi, sorridere e buon appetito!!!

Con questa ricetta, preparata con la mia nipotina Rossella (lei ci tiene ad essere nominata) partecipo alla raccolta di Caris

martedì 15 febbraio 2011

Torta Rustica di Pane Raffermo, Zucchine e Fiori di Zucca


 
Buongiorno cari amici, oggi vi propongo una torta salata.
Tempo fa trovai sul blog agendadinico la ricetta di questa torta di pane salata; mi è subito piaciuta perchè si realizza con pane secco e, siccome capita spesso di avere del pane avanzato in casa, questa ricetta rappresenta un diversivo piacevole, alle amate bruschette, per il recupero degli avanzi in cucina.
Vi riporto la mia ricetta modificata. Rispetto all'originale (che troverete qui) ho, infatti, aggiunto alcuni ingredienti in più. La ricetta base si presta bene per svariate modifiche e la torta è bella anche da tagliare a trancetti da offrire agli ospiti durante un buffet.
Vi saluto e vi auguro buona giornata.


Torta Rustica di Pane Raffermo, Zucchine e Fiori di Zucca
- 250 g di pane secco
- 250 g di ricotta
- 1/2 l di latte
- 3 mozzarelle di bufala
- 2 uova
- prezzemolo
- 3 zucchine
- una decina di fiori di zucca
- 1 porro
- dadini di prosciutto crudo (a piacere)
- pomodori grandi
- parmigiano o grana
- pepe e sale

Ammorbidire il pane nel latte.
Saltare le zucchine ed i fiori di zucca, con il porro tagliato a rondelle, in poco olio. Salare e pepare.
Passare al mixer il pane ammorbidito e aggiungere la ricotta.
In una ciotola, amalgamare il composto di pane e ricotta, con le uova, le verdure, il formaggio grattugiato ed il prezzemolo. Aggiustare di sale.
Disporre in una teglia, rivestita di carta forno, metà del composto. Quindi mettere sopra di questo le fette di mozzarella, a piacere i dadini di prosciutto e coprire con il restante composto. Decorare con le fette di pomodoro, leggermente affondate nell'impasto e spolverizzare con il formaggio.
Cuocere in forno caldo a 180°C per almeno 40 minuti, sfornare, servire tiepida  o fredda e buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Antonella


e al contest di Saretta


lunedì 14 febbraio 2011

Biscotti di Ricotta e Arancia

Buongiorno cari amici e buon S.Valentino a tutti voi!!!
Invece di postarvi dei cuoricini romantici (ho già dato nei giorni scorsi) vi presento questi biscottini davvero deliziosi.
Sono stata invitata al simpatico contest della Banda dei Broccoli e sfogliando uno dei miei libri di cucina mi sono imbattuta in questa ricetta di biscotti, che avevo notato già da tempo ma che non prendevo l'iniziativa di fare.
Ho modificato la ricetta rispetto all'originale, mettendoci la marmellata di arance al posto del succo e riducendo la quantità di burro che era davvero troppa. L'impasto è ideale per una sparabiscotti; non avendola ho usato una tasca da pasticcere per fare delle girelle.
I biscotti sono morbidi e profumati ed, è ovvio, fanno uno tira l'altro (li ho dovuti nascondere).
A proposito, vi piace il mio piatto a mucca???? E' un simpatco regalo ricevuto da una mia carissima amica questo Natale. So che mi legge ogni giorno, quindi ne approfitto per salutarla. Ciao Gemma!!!

 

Biscotti di Ricotta e Arancia (fonte Enciclopedia della Cucina Italiana)
Ricetta con mie modifiche per 30/40 biscotti
- 320 g di farina
- 250 g di ricotta
- 3 cucchiai di marmellata di arance
- 200 g di burro
- 1 uovo
- 250 g di zucchero di canna
- 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Sbattere il burro, la ricotta e lo zucchero con le fruste elettriche, fino ad ottenere un composto leggero e spumoso. Incorporare anche la marmellata. 
Aggiungere al composto l'uovo leggermente sbattuto, amalgamando con un cuccchiaio di legno. Incorporare la farina ed il bicarbonato setacciai, mescolando sempre a mano.
Mettere il composto in una tasca da pasticcere o in una sparabiscotti o lasciarlo cadere a cucchiaiate su carta forno ed infornare in forno caldo a 180°C fino a doratura (10-15 m).
Sfornare, raffreddare, decorare con scorzette di arancia e buon appetito.
 

venerdì 11 febbraio 2011

Fusilli al Tegamino


 
Eccoli!!! Finalmente sono riuscita a postare i miei fusilli al tegamino.
Si tratta di un piatto che fa parte delle mie origini, di una cucina rustica e caserreccia, che adoro!
A questo punto vi devo parlare del paesino dal quale provengo e dove non abito più da circa 3 anni, ma dove torno ogni fine settimana.
A Moteforte Irpino in provincia di Avellino è tradizione fare con la semola vari tipi di pasta: fusilli, orecchiette e schiaffoni, più una serie di piccole varianti. Si impasta la semola gialla con acqua bollente, si fa riposare il panetto così ottenuto per alcune ore, meglio tutta la notte, e con vari attrezzini si crea la pasta nel formato voluto. Si tratta di un lavoro lungo e faticoso, ma il risultato ne vale la pena.
La pasta così ottenuta, può essere cotta in vario modo ma la cottura in tegamino fa parte della tradizione del paese, in passato si organizzavano molte sagre a tema.
Nei grandi pranzi di casa mia, preparavamo questi tegamini, che mettevamo direttamente in forno a legna. VI assicuro che il sapore dei fusilli o delle orecchiette era imparagonabile a quello dei tegamini sfornati dai nostri forni elettrici: il profumo del tegamino con quella del forno a legna è per me indescrivibile ed ogni boccone di quella pasta, che rimaneva umida e saporita, era una goduria.
Quando ho aperto questo blog, mi sono voluta portare un pò di quel profumo e di quelle tradizioni, chiamando, appunto, il mio spazio virtuale "fusilli al tegamino".
Non li preparavo da tempo e quando li faccio uso prettamente tegamini in cotto, ma siccome il contest "tutto in cocotte"  di Imma prevedeva l'uso dei soli tegamini in ceramica, allora ho utilizzato questi che vedete nella foto, che appartenevano a mia nonna e che ho temporaneamente prelevato da casa!!!

 

Fusilli al Tegamino
Dosi per 6 persone
- 500 g di fusilli
- Ragù di carne
- parmigiano grattugiato
- mozzarella

Cuocere i fusilli in acqua bollente e scolarli al dente. 
Condire i fusilli, direttamente in pentola e su fiamma bassa , con il ragù di carne, la mozzarella tagliata a dadini e abbondante formaggio.
Sul fondo di ogni tegamino disporre un pò del ragù, quindi riempirlo con la pasta condita. Terminare con ragù e formaggio grattugiato. Coprire con carta alluminio e cuocere in forno a 180-190°C fino.
Sfornare,  servire caldi  e buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Imma tutto in cocotte



giovedì 10 febbraio 2011

Dentice in Letto di Patate, Salsa di Pistacchi e Contorno di Bietole


Lo so, lo so! Vi state chiedendo cos'è quella cosina verde chiaro nel piatto della foto; per quella verde scuro avrete capito che si tratta delle solite, mie amate, verdure.
Ebbene, è una cremina che ho preparato ieri sera con i pistacchi, per accompagnare il pesce.
Fidatevi! E' buonissima!
Ottima con il pesce ma con la carne sarà ancora meglio. Di facile e veloce esecuzione, ve la consiglio.
Buona giornata.

Dentice in Letto di Patate, Salsa di Pistacchi e Contorno di Bietole
Per 2 persone
- 2 filetti di dentice
- 3 patate
- 1 porro
insaporitore Ariosto per pesce
- olio evo
- vino bianco

Per la Salsa di Pistacchi
- 50 g di pistacchi sgusciati
- una noce di burro
- 1 cucchiaio raso di farina
- 1 bicchiere di brodo vegetale

Per il Contorno di Bietole
- Bietole
- burro
- provoletta
- formaggio
- sale
- pepe

DIsporre i filetti di dentice in una pirofila e tagliarvi sopra i porri a rondelle e le patate a fette tonde. Irrorare con vino e olio ed insaporire con l'insaporitore per pesce Ariosto.
Infornare, coprendo con carta alluminio, per 30 minuti a 190°C.

Sbollentare 2 minuti i pistacchi e privarli della pellicina.
In un padellino, fondere il burro e versarvi la farina. Amalgamare bene e versare il brodo.
Passare al mixer i pistacchi e la besciamella preparata.

Lessare le bietole in acqua salta. Scolarle e taglizzarle. Saltarle in padella con una piccola noce burro, i dadini di provoletta, il formaggio grattugiato ed il pepe.

Accompagnare il pesce con la salsetta di pistacchi calda e le bietole e buon appetito!

Con questa ricetta partecipo al contest di Tatina

mercoledì 9 febbraio 2011

Risotto con Pesce Spada, Gamberi e Arance

Buongiorno, oggi vi propongo un risotto dove il sapore del pesce si accompagna bene a quello dell'arancia.
Come sempre la foto non mi soddisfa: la presentazione del piatto dal vivo era tutto un'altra cosa.
Buona giornata a tutti.

Risotto con Pesce Spada, Gamberi e Arance (fonte: Enciclopedia della Cucina Italiana)
Dosi per 4 persone
- 320 g di riso
- 200 g di pesce spada
- 200g di gamberetti sgusciati
- 2 arance biologiche (io 1)
- 2 cucchiai di passata di pomodoro
- 1lt di brodo vegetale
- 1/2 cipolla
- 200 ml di olio
- olio
- burro
- sale e pepe

Rosolare la cipolla tritata in poco burro e olio. Unire il pesce spada a dadini ed i gamberetti; salare e pepare e far insaporire per alcuni minuti. Bagnare con metà del vino, far evaporare e aggiungere il succo dell'arancia, la buccia grattugiata e la polpa della stessa. Cuocere per altri 5 minuti, quindi aggiungere il riso e farlo tostare.
Bagnare con il restante vino bianco e quando anche questo è evaporato, portare a cottura il riso con un mestolo di brodo alla volta.
Servire caldo e buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Cinzia


Volevo inoltre segnalarvi questo simpatico contest della mia amica Valeria
Sicuramente, utilizzerete spesso almeno uno di questi ingredienti:
• il cavolfiore
• il broccolo romano
• la verza
• il cavolo cappuccio
• i broccoletti
• le cime di rapa
• i broccoletti siciliani
• i cavoletti di Bruxelles
• la rapa
• la rucola
• il ravanello
• la senape
Quindi, forza, partecipate numerose.

Infine, ma non per ultimo, ringrazio la mia amica blogger Stefy per il gradito premio.
Come sempre, lo giro a tutte le amiche/amici che passeranno oggi per il mio blog.






martedì 8 febbraio 2011

Mascherine di Pandoro


Passando per i Vs blog, ho letto tante ricette per il "riciclo" del pandoro di Natale.
Ne ho copiate un bel pò, ammetto; alcune di voi hanno proposto delle idee veramente carine e golose.
Poi, mi è arrivato l'invito a partecipare al contest ricette con gli avanzi ed alcuni giorni dopo a quello del carnevale nel paniere, entrambi realizzati in collaborazione con il sito di giallozzafferano.
Pensa e ripensa per il primo contest, è venuta anche a me la voglia di riciclare l'unico pandoro rimasto in casa. Volevo proporre anch'io qualcosa di simpatico e innovativo. Poi mi è venuta l'idea di queste mascherine e subito ho pensato anche al secondo contest.
Ora, io non posto mai la stessa ricetta per due contest diversi, però queste mascherine sono adatte ad entrambi e quindi ci provo, poi vedremo se la cosa sarà accettata, in caso contrario dovrò scegliere tra il primo ed il secondo contest.
Ed infatti: si può partecipare solo ad un contest. Lascio le mascherine per quello di più prossima scadenza e per l'altro penseremo a qualche altra cosa.
Ora torniamo alle mascherine. Come ho già accennato sono realizzate con fette di pandoro tostate; io le ho decorate con i confettini ma voi potrete sbizzarirvi con nutella e creme varie, codete di cioccolato e così via.
Sono sicura che anche i Vs bambini si divertiranno a decorarle e, naturalmente, a mangiarle.

Mascherine di Pandoro
- fette di pandoro
- marmellata
- confettini colorati
- mascherina di carta

Privare la fetta di pandoro della parte scura, appiattirla con le mani e ritagliare la mascherina con la forminadi carta, utilizzando un coltellino con la punta.
Passare le fette di pandoro al grill.
Spalmare su ogni fetta della marmellata (anche gelatina di albicocche o nutella) e coprire con i confettini colorati.
Consumare in giornata e buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest ricette con gli avanzi





Approfitto anche per ringraziare l'azienda Ariosto che mi ha gentilmente omaggiata di una campionatura dei loro prodotti che, tal altro, conosco ed utilizzo da molti anni.
Contenta di questa collaborazione, ringrazio ancora una volta l'Ariosto




lunedì 7 febbraio 2011

Zuppa di Ceci in Vellutata di Verdure

Buon lunedì e buona settimana, a quanto pare bella e soleggiata, a tutti.
Spero abbiate trascorso un bel week end all'aria aperta, a godervi questo anticipo di primavera!
Quello che vi propongo oggi è un piatto sano e nutriente, dietetico anche!
Amo molto le verdure, chi mi segue se ne sarà di certo accorto, e come posso le cucino in 1000 modi diversi.
Qualche giorno fa avevo voglia di ceci, ma non volevo fare la solita pasta. Guardando nel mio frigo ho visto varie verdurine che aspettavano di essere consumate e mi sono detta "me le cucino tutte e ci metto dentro i ceci". Poi, mi è venuta voglia di una vellutata e allora ho passato il tutto al mixer e siccome io cucino sempre per un esercito, ce n'era anche per il giorno dopo e, come sempre, la zuppa riscaldata è ancora meglio.

Zuppa di Ceci in Vellutata di Verdure
dosi per 4 persone
- 100 g di ceci secchi
- 200 g di polpa di zucca
- 2 carote
- 2 zucchine piccole
- 1 costa di sedano
- 1 porro grande
- parmigiano grattugiato
- olio
- sale

Mettere a bagno i ceci per la sera prima e cuocerli come fate di solito.
In una pentola capiente cuocere tutte le verdure, quindi passarle al mixer.
Versare i ceci cotti nella vellutata di verdure e lasciar insaporire a fuoco lento per alcuni minuti; potete anche profumare la minestra con un bel trito di rosmarino che avrete saltato precedentemente in una padella con un trito di aglio.
Servire la zuppa calda con una generosa manciata di formaggio e buon appetito.

Con questa ricetta partecipo al contest di Minù

sabato 5 febbraio 2011

Plumcake ai due prosciutti



Buongiorno, oggi sole!
Quello che vedete nella foto è il plumcake rustico che ho realizzato per il banner del mio contest.
Per ragioni di spazio, non ero ancora riuscita a postarvi la ricetta; lo faccio stamane così da dare anche il buon esempio.
Cavoletti!!! Una che organizza un contest sui plumcake deve pure affacciarsi ogni tanto con qualche ricettina.
Pertanto, riportandovi la ricetta di questo rustico profumato e delizioso, vi ricordo ancora una volta del mio contest sui plumcake e faccio un appello agli amanti del salato: i plumcake salati sono sotto di un bel po'!!! Arrivano prevalentemente ricette dolci. Forza, forza!!
Inoltre, in molti mi avete chiesto la ricetta del plumcake di Nicoletta, un'amica no-blogger; vi posto anche quella, ricordando a tutti coloro che passeranno di qui che il contest è aperto anche per chi non ha un blog di cucina, basta inviarmi la ricetta all'indirizzo fusillialtegamino@libero.it ed io provvederò a pubblicarla con i miei post.
Auguro a tutti voi un sereno fine settimana!!!

Plumcake si due prosciutti
- 350g di farina 00
- 1/2 cubetto di lievito di birra
- latte
- 50 g di burro fuso
- 3 uova
- 100 g di prosciutto cotto a dadini
- 100 g di prosciutto crudo a dadini
- 1 provoletta affumicata (o 1 scamorza e vi rende l'impasto ancora più morbido)
- sale

Fare un piccolo impasto con il lievito, 100 g di farina ed il latte: dovrete ottenere un composto molto morbido. Coprite e lasciate lievitare in luogo caldo per 30 minuti.
Passato il tempo necessario, nella scodella di questo lievitino, amalgamare la restante farina, le uova, il sale (non eccedere perché ci sono già i salumi) ed il burro fuso. Impastare per una decina di minuti ed aggiungere il formaggio con i prosciutti.
Foderare uno stampo da plumcake 30x10 cm, con carta forno bagnata e strizzata (la mia era già stata utilizzata) e versarvi l'impasto.
Coprire con un canovaccio pulito e lasciare lievitare per 2-3 ore. Infornare a 160-170°C in forno già caldo per 25-30 minuti. Sfornare, intiepidire e servire caldo o freddo e....  buon appetito.






CAKE DI PANE E MOZZARELLA (tratto da Cucina Moderna del lontano giugno 2005)
di Nicoletta
Ingredienti:
10 fette di pan carrè
una treccia di mozzarella
250 g di pomodorini
grana grattugiato
basilico
2 uova
2 dl di latte
2 cucchiai di olio extravergine d'oliva
sale

Foderate uno stampo da plum cake di 22 cm di lunghezza con carta da forno.
Sbattete le uova con il latte in una ciotola, immergetevi le fette di pane, una alla volta, e man mano rivestite il fondo e i bordi dello stampo; tenete da  parte le fette rimaste, faranno da coperchio al cake. Lavate i pomodorini, asciugateli, tagliateli a metà e raccoglieteli in una ciotola; conditeli con olio, una presa di sale, il grana e il basilico spezzettato. Distribuitene la metà sullo strato di pane, sistemate sopra la treccia di mozzarella intera ben sgocciolata, quindi completate con i pomodorini riimasti. Adagiate le fette di pane tenute da parte sui pomodorini, formando così un coperchio e cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 40 minuti.
Sformate il cake quando è tiepido e servitelo tagliato a fette.
Buon appetito!


Il mio Il mio primo contest: il pumcake dal dolce al salato

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...