giovedì 18 ottobre 2012

Pane Dolce con Confettura di Zucca, Amaretti e Uvetta e Pane Dolce con Confettura di Albicocche, Mele e Uvetta


Ammetto, non sapevo niente della challah, il pane della tradizione ebraica!
Poi, mi sono documentata ed ho scoperto una preparazione ricca di significato spiriturale e di gesti simbolici, una preparazione che Eleonora ci ha voluto far conoscere pur non proponendoci la vera e propria Challah (quello viene benedetto il venerdì sera coperto da una tovaglietta bianca).
Il pane dolce di Eleonora è uno spettacolo, si lavora benissimo non ha bisogno di ulteriore farina quando si fanno le trecce, viene morbido e sofficioso che è un piacere. Ho notato che si conserva bene anche per due giorni (prova fatta nascondendone una fetta) ma vi finirà prima, ve lo assicuro.
Dopo il primo impasto ne ho dovuti fare altri a grande richiesta, perchè questo pane dolce è piaciuto tantissimo, per la merenda e la colazione. Io vi propongo solo i primi due realizzati, quelli fatti di venerdì e sabato! Per il ripieno con la conserva di zucca ho fatto un intreccio a quattro, le trecce mi sono venute un pò più corte ma ho voluto comunque chiudere in tondo una delle trecce, la forma della challah che rappresenta la continuità della vita!!
Ma le sfidanti dell'MTC di questo mese si sono superate, delle preparazioni e degli intrecci meravigliosi, con alcuni post da leggere tutto d'un fiato, tanto sono belli e intensi.


Pane dolce alla zucca, amaretti e uvetta (da una ricetta di Eleonora)
Dosi per due pani 
- 500 g di farina
- 100 g di zucchero
- 20 g di lievito di birra
- 125 ml di acqua tiepida
- 125 ml di olio evo
- 10 g di sale
 
Per il ripieno
- Circa 6/7 amaretti polverizzati (i miei home made)
- Uvetta sultanina
 
Per la copertura
- un tuorlo d'uovo
- un cucchiaio di acqua
- semi di zucca e semi di papavero
 
- Sciogliere il lievito con un cucchiaio di zucchero e acqua tiepida
- Lasciar riposare una decina di minuti, finchè non fa la schiuma
- Nel cestello della macchina del pane versare il lievito, la restante acqua tiepida, l'olio, la farina miscelata allo zucchero e al sale
- Azionare l'impastatrice ed aggiungere un uovo alla volta, aspettando che il primo sia ben incorporato prima di aggiungere il secondo
- Lasciar lievitare due ore, comunque fino al raddoppio del volume
- Dividere l'impasto in due parti e ognuna in tante palline in funzione del numero degli intrecci (almeno tre)
- Stendere ogni pallina di pasta con il mattarello, non c'è bisogno di ulteriore farina, e spalmarvi sopra un paio di cucchiaini di marmellata, la polvere di amaretto e l'uvetta
- Fare il salsicciotto e così per le altre palline di pasta
- Fare la treccia e lasciar lievitare per altre due ore
- Pennellare con tuorlo e acqua e coprire con i semi
- Infornare a 200°C per 15-20 minuti
 

Pane dolce con confettura di albicocche, mele e uvetta
Per il pane dolce vedi ricetta sopra
Per il ripieno
- confettura di albicocche
- uvetta
- 3/4 mele
Per la copertura
- un tuorlo d'uovo
- un cucchiaio di acqua
- semi di papavero

- Procedere come sopra per l'impasto
- Riempire i salsicciotti con 1 o 2 cucchiaini di marmellata le mele a pezzi e l'uvetta
- Fare le trecce e proseguire come sopra.


 
Con questa ricetta partecipo alla sfida di menù turistico di ottobre


19 commenti:

  1. Adoro il pane dolce e questa ricetta è davvero molto interessante...da provare.
    Buona giornata Natalia.

    RispondiElimina
  2. particolare e gustosissima, me la segno

    RispondiElimina
  3. non avevo mai visto questo pane....chissa' che squisitezza!!! bellissima la foto con le zucche!!
    baci e buona giornata ! :)


    PS: ti ho scritto un email.

    RispondiElimina
  4. bellissimo questo pane, e buonissimi i ripieni che hai usato, davvero particolari, complimenti e buona giornata!

    RispondiElimina
  5. Ne ho visti svariati in questi giorni.. ma il tuo ha degli ingredienti molto particolari.. marmellata di zucca.. uvetta... che brava sei stata!! buona giornata :-)

    RispondiElimina
  6. davvero belle, ricche e rustiche queste pagnottelle!
    ottima reazlizzazione!
    baci

    RispondiElimina
  7. Tra le due non saprei quale scegliere!! Sono entrambe stragolose e bellissime! Un bacione.

    RispondiElimina
  8. Originale e davvero invitanti...e poi sono bellissime cosi intrecciate...brava!
    ciao..a presto!

    RispondiElimina
  9. Nati, non ho letto gli altri, ma questo mi sembra molto buono e particolare!!! Io lo voterei a pieni voti, pur non avendolo provato ;-)
    Baciuzzi

    RispondiElimina
  10. Questo pan dolce è molto invitante con i ripieni particolari che hai messo! Baci!

    RispondiElimina
  11. una fetta per tipo, giusto??? ti sono venuti benissimo..bacio.

    RispondiElimina
  12. belleeeeeee!!!!:D
    Tutte e due le formine!!!^_^
    io le proverei tutte!

    RispondiElimina
  13. Anche io non conoscevo questa ricetta, ma mi bastano le foto per capire quanto è buono questo pane!
    Un bacio

    RispondiElimina
  14. Natalia, complimenti sono bellissimi!

    RispondiElimina
  15. Ti sei superata anche tu, come tutte le altre. ripieno favoloso, intreccio splendido! Brava Natalia!

    RispondiElimina
  16. il tuo ripieno è davvero interessante ma la marmellata di zucca l'hai fatta tu? vado a vedere, ciao!

    RispondiElimina
  17. Ok, mi sono segnata la tua ricetta della marmellata di zucca....splendida!
    un bacio

    RispondiElimina
  18. Goduria delle godurie... favolose entrambe!!!!!

    RispondiElimina
  19. tutto ciò che va oltre alla semplice treccia già mi affascina, se poi ha n ripieno così buono...

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...