lunedì 24 settembre 2012

Risotto con Zucchine, Piselli e Zafferano

Casseruola LeCreuset
Buon inizio settimana. Vi lascio la ricetta di questo risottino leggero ma gustoso!

In questo periodo riesco a stare davvero poco al pc, davvero non so dove riesco a trovare il tempo di fare i miei post, quello che mi dispiace è che mi sto perdendo le tante belle ricette dei vostri blog.
Quindi perdonatemi se mi faccio sentire di rado.


Risotto con zucchine, piselli e zafferano
Dosi per 3 persone
- 200 g di riso
- 2 zucchine medie
- 1 scatola di pisellini
- 2 bustine di zafferano
- brodo vegetale q.b.
- 1/2 bicchiere di vino bianco secco
- 1/2 cipolla
- olio evo
- una noce di burro
- pepe
- sale

- Soffriggere la cipolla in poco olio evo e burro
- Versare le zucchine tagliate a cubetti e dopo circa 5 minuti i piselli, salare e pepare
- Tostare il riso, sfumare con il vino bianco e portare a cottura un mestolo alla volta
- A metà cottura aggiungere lo zafferano sciolto in un mestolo di brodo



giovedì 20 settembre 2012

Strudel di Mele, Pere, Pesche e Marmellata di Fichi alla Cannella


Faccio spesso gli strudel con la frutta ma non li posto perchè in foto mi vengono sempre brutti, però sono così buoni!!!!
Con la pasta sfoglia comprata sono più pratici da fare ma io vi consiglio di provare questa ricetta di pasta strudel. Ne ho fatte di diverse, anche con l'olio, ma questa è quella che mi piace di più: friabile e allo stesso tempo morbida.
Ho notato che questa ricetta è riportata su diversi testi di cucina con un tempo di riposo di circa 30 minuti, io vi consiglio di farla riposare di più: la pasta si stende molto meglio, sottile e trasparente come deve essere la pasta strudel, senza rompersi neanche mentre la arrotolate con tutto il ripieno che ci avete messo.


Strudel di Mele, Pere, Pesche e Marmellata di Fichi alla Cannella
Per la pasta strudel
- 250 g di farina 00
- 1 uovo
- 50 g di burro
- 1 cucchiaino di zucchero
- 1 pizzico di sale
- 5-6 cucchiai di acqua
Per il ripieno
- 2-3 mele
- 2 pere
- 2 pesche
- uvetta sultanina ammorbi
- 1 pacco di savoiardi
- 40 g di pinoli
- qualche noce (a piacere)
- 4 cucchiai di marmellata di fichi alla cannella

- Preparare la pasta strudel facendo la fontana con la farina, il sale e lo zucchero e versandovi al centro l'uovo battuto con il burro ammorbidito e l'acqua tiepida
- Impastare fino ad ottenere un impasto elastico e morbido
- Far riposare l'impasto sotto una scodella calda per 30 minuti, meglio qualche ora
- Ammollare l'uvetta nell'acqua tiepida e polverizzare finemente i savoiardi (io uso un matterello)
- Preparare il ripieno mescolando la frutta tagliata a pezzi con il resto degli ingredienti
- Stendere la pasta strudel in un rettangolo molto sottile  e disporvi il ripieno al centro lasciando liberi i 4 bordi
- Ripiegare verso l'interno i lati corti della pasta  (questo serve a chiudere bene il rotolo e ad evitare che il ripieno fuoriesca)  e arrotolare il dolce per il lato lungo
- Pennellare di burro fuso ed infornare per 50-60 minuti a 170°C
- Servire freddo con zucchero a velo



COn questa ricetta partecipo alla raccolta "peperoncino e cannella" del blog Olio&Aceto

mercoledì 19 settembre 2012

Torta Pasqualina con Bietole, Ricotta e Mozzarella di Bufala


Ed eccoci anche questo mese puntuali alla sfida di MTC.
Anche la Pasqualina, sfida lanciata dalla Vitto, era tra le tante cose da fare prima o poi, vista e rivista su tanti libri di cucina e mai provata.
Io l'ho fatta con le bietole del nostro orto e con la ricotta ma le versioni possibili sono davvero tante. Certo sarebbe stato bello provare anche il formaggio tipico  genovese, la prescinseua, ma non avendolo ho pensato bene di metterci dentro un prodotto tipico campano che avevo giusto, giusto tra le mani.
Peccato per quei buchini nella sfoglia del coperchio che mi ha fatto sgonfiare l'effetto palloncino.
A proposito, ma sono stata l'unica ad aver usato il maccherone lungo??? Avevo solo le cannucce dei succhi di frutta, troppo corte per essere usate.
 
 
 
Torta Pasqualina con bietole, ricotta e mozzarella di bufala
Per la pasta
(Da una ricetta della Vitto)
- 300 g di farina mannitoba
- 1/2 bicchiere di vino bianco secco
- 1/2 bicchiere di acqua
- 50 g di olio evo
- sale
Per il ripieno
- bietole
- ricotta
- 2 uova per il ripieno + 3 uova
- mozzarella di bufala
- provolone grattugiato
- olio evo
- maggiorana
- erba cipollina
- preparare la pasta con gli ingredienti indicati, deve venire un impasto morbido e non appiccicoso
- dividere la pasta in 5 palline e far riposare per due ore sotto un canovacco pulito
- pulire le bietole e sbollentarle in acqua salata per alcuni minuti, quindi saltarle in padella con l'olio, l'erba cipollina e la maggiorana
- preparare il ripieno mescolando la ricotta con le bietole fredde, le due uova battute ed il formaggio grattugiato, coprire con la mozzarella di bufala a fette
- Stendere, prima con un mattarello e poi con i pugni, una delle palline di pasta in una sfoglia sottile e coprire il fondo di una teglia (la mia 22 cm di diametro) unta d'olio
- Pennellare questa prima sfoglia con dell'olio e disporne una seconda sopra
- Versare il ripieno preparato nella teglia, sopra le sfoglie, fare tre incavi e rompervi le tre uova in ognuno
- Stendere una terza sfoglia molto sottile, evitando la formazione di buchi, pennellare e proseguire in questo modo con le altre due palline di pasta
- Tra la prima e la seconda sfoglia del coperchio inserire una cannuccia (io un maccherone di pasta lungo) e soffiare aria per formare il palloncino
- Arrotolare i bordi delle tre sfoglie per formare il cordoncino ed infornare la torta a 180°C per circa 40-50 minuti
- Sfornare e pennellare subito con olio


Con questa ricetta partecipo all'MTC di settembre

martedì 18 settembre 2012

Involtini di Sogliola al Forno con Cuore al Formaggino


Vi avevo già detto che adoro le ricette di Elena  e che siccome è lei la recipetionist di settembre avrei postato altro. 
Tra le tante bellissime sue ricette l'occhio mi è caduto su questo secondo sano e leggero che sembra essere pensato apposta per la mia piccola peste di tre anni che di pesce proprio non ne vuole sentir parlare. Ma ho pensato che questi involtini di sogliola , dalla panatura gialla (merito della carota) e dall'interno gustoso le potessero piacere. E non ho sbagliato ma il bello è che sono piaciuti tanto anche a me e mio marito.
Come da regolamento ho sostituito un solo ingrediente e cioè i capperi con il formaggino!
Provateli, sono buonissimi!


Involtini di sogliola al forno con cuore al formaggino
Da una ricetta di Elena
Dosi per 3
- 6 filetti di sogliola
- 6 cucchiai di pane grattugiato
- 6 cucchiai di formaggio grattugiato
- 1 carota media
- 3 formaggini
- origano
. 1 uovo
- sale
- oio evo

- Preparare il ripieno mescolando 3 cucchiai di pangrattato con il formaggio, l'origano, l'uovo ed il sale
- A parte preparare la panatura frullando la carota e aggiungendo il restante pangrattato, salare
- Su ogni filetto adagiare il ripieno ed al centro disporre metà formaggino o 1/3 se il filetto è grande
- Arrotolare ogni filetto, pennellare con olio e passare nella panatura di carote e pangrattato
- Disporre gli involtini su carta forno in una teglia e cospargere con la restante panatura
- Infornare a 180 (io 200°C) per 15-20 minuti.
- Servire caldo tiepido


Con questa ricetta partecipo al "the recipetionist" di settembre

sabato 15 settembre 2012

Sedano Essiccato


Quando durante l'estate la produzione di sedano abbonda è possibile essiccarlo al sole e conservarlo per l'inverno in comodi vasetti. Io lo uso molto per le minestre o per insaporire le carni.

 
Sedano essiccato
- Disporre il sedano (gambi e foglie) su dei vassoi di carta ed essiccarlo al sole per diversi giorni avendo cura di girarlo ogni giorno e di metterlo al riparo dall'umidità di notte.
- Il sedano è pronto per essere conservato quando sfregandolo sotto le mani si sbriciola.
- Procedere quindi a sminuzzare il sedano sfregandolo con le mani o pestandolo in un mortaio 
- Conservare in vasetti puliti al riparo dell'umidità
- Si conserva a lungo anche per 2-3 anni
 
 
 

venerdì 14 settembre 2012

Crostata di Frutta Autunnale

Dolce con uva
Stampo crostata collezione Granforno DOMO

Ieri primo giorno di asilo per la mia piccola peste. Di conseguenza la giornata è stata bella piena e ricca di emozioni nuove.  Claudia è stata contentissima di andare all'asilo, non ha pianto e quando sono andata a prenderla non voleva venire via. Spero tanto che sarà così anche nei prossimi giorni.
Di conseguenza ieri niente post dolce che arriva oggi.
In questi giorni l'uva del vigneto fa bella mostra di se e, avendone una qualità da tavola molto dolce, ho deciso di farci questa bella crostata con crema pasticcera. I chicchi sono un pò in disordine di colore ma avevo la solita aiutante......

Ceramica greengate

Crostata di frutta autunnale
Per la frolla
- 250g di farina
- 150g di burro
- 75 g di zucchero a velo
- 3 tuorli
- poca acqua fredda (io 3-4 cucchiai)

Per la crema pasticcera vedi qui

Uva bianca  e nera per decorare

- Fare una fontana con la farina e disporvi al centro il burro freddo tagliato a pezzi.
- Cominciare ad impastare, sfregando con la punta delle dita. Deve venire un composto tipo pangrattato.
- Rifare la fontana e disporvi al centro le uova e lo zucchero, battendo inizialmente con una forchetta, senza mescolarli subito al composto di farina e burro. Quindi, pian piano, cominciare ad unire la farina, sempre aiutandosi con la forchetta e poi con una spatola.
- Se l'impasto dovesse risultare duro, durante la lavorazione, aggiungere un pò di acqua.
- Avvolgere la pasta in pellicola trasparente e porre in frigo per almento 30 minuti (io tutta la notte)
- Cuocere il guscio di frolla in uno stampo per crostate imburrato ed infarinato a 180°C per circa 25 minuti (ricordarsi di bucherellare il fondo della frolla con i rebbi di una forchetta e di coprire con carta forno e riso o fagioli), togliendo la carta forno gli ultimi 10 minuti.
- Preparare una crema pasticcera piuttosto densa e una volta fredda disporla nel guscio della crostata
- Decorare con i chicchi di uva




mercoledì 12 settembre 2012

Panini all'Olio di Elena

 
Questo mese proprio non potevo mancare. Conosco e seguo con vero piacere il blog di Elena da tanto tempo e sono tante le sue ricette che ho fatto e rifatto. La sua cucina mi piace davvero tanto, semplice e genuina che spesso sa di casa e di tradizioni.
Quando ho scoperto che è lei la recipetionist di settembre sono subito corsa a vedere tra la carrellata di sue ricette quale potevo realizzare. Ne ho segnate un bel pò che, gioco o non gioco, dovrò assolutamente fare. Questi panini li ho scelti perchè ero senza pane e velocissimi da fare; ve li straconsiglio, sono di un morbido incredibile e si mantengono benissimo anche il giorno dopo e con la nutella sono la fine del mondo.
Lei li ha realizzati con il bimby, io con la mia macchina del pane. La ricetta è praticamente la stessa, tranne per la mancanza dei semi come decorazione. Altra cosa di non poco conto: in panini li ha ritagliati la mia piccola cuoca (il suo mattarello in foto).


 
Panini all'olio (ricetta di Elena)
- 400g di farina 0
- 120g di manitoba + 2 cucchiai durante l'impasto
- 250g di acqua
- 1/2 cubetto di lievito di birra
- 40g di olio evo
- 1 uovo
- 10g di sale
- 30g di zucchero
- 2 cucchiai di latte
- semi di sesamo e papavero

 
- In una tazzina da caffè, scioglire il cubetto di lievito nello zucchero
- Nella macchina del pane inserire l'acqua, l'olio, l'uovo battuto, il cubetto di lievito sciolto ed il latte
- Aggiungere le farine con il sale ed azionare il programma impasto più lievitazione (io ho solo fatto impastare, poi ho interrott il programma e fatto lievitare a temperatura ambiente)
- Quando l'impasto è raddoppiatto di volume, circa 1,5 ore, stendere nello spessore di 1 cm e fare i paninetti con un tagliapasta
- Porre a lievitare ancora 1 ora su carta forno
- Infornare a 220°C per 7-8 minuti
 
Note
- Rispettare i tempi di cottura, i panini sono più morbidi e rimangono così anche il giorno dopo
- Rispetto la dose originale ho aggiunto un pò di farina durante l'impasto, regolatevi in funzione del vostro impasto che deve essere ben incordato ed elastico


Con questa ricetta partecipo al "the recepionist di settembre"

martedì 11 settembre 2012

Polpette di Zucchine e Carote e Pomodori Ripieni Gratinati

Pirofila LeCreuset

Buondì! Oggi vi propongo due secondi "verdurosi"!
Le polpette di zucchine le faccio spesso; questa volta ho provato a metterci (nasconderci) anche le carote che non piacciono molto alla mia bambina! Fortunatamente, anche se il gusto della carota ha prevalso su quello delle zucchine alla mia piccola sono piaciute. Cosa importante, queste polpette sono cotte al forno, vista la loro morbidezza sconsiglio di friggerle, ma se proprio il fritto vi piace allora preparatele il giorno prima e fatele riposare in frigo.
Questo secondo piatto è completato da questi pomodori ripieni gratinati, semplici ma gustosi!


Polpette di zucchine e carote
Dosi indicative
- 2 zucchine belle grandi
- 4 carote medio/piccole
- mollica di pane raffermo o pangrattato
- 1 uovo
- formaggio grattugiato
- sale

- Pelare le carote e tagliarle a rondelle
- Tagliare a dadini le zucchine
- Sbollentare gli ortaggi in acqua bollente salata
- Passarle le verdure al mixer e quando si saranno raffreddate aggiungere l'uovo, il pane raffermo, il sale e abbondante formaggio grattugiato
- Fare le polpette e panarle nel pangrattato e adagiarle su teglia ricoperta di carta forno
- Cuocere in forno a 180°C per circa 20 minuti
- Servire caldo

Note
- Le dosi degli ortaggi sono indicative, usate meno carote se volete che il loro sapore non sia troppo forte
- La prossima volta proverò a saltare le carote cotte in una noce di burro

Pomodori Ripieni Gratinati
- Pomodori
- mollica pane raffermo
- 1 o 2 uova in funzione della quantità di pane
- formaggio grattugiato
- prezzemolo
- erba cipollina
- 3-4 cucchiai di olio evo
- sale e pepe

- Tagliare i pomodori nel senso della lunghezza e porli a testa in giù in un colapasta in modo che perdano la loro acqua di vegetazione
- Preparare il ripieno con il pane raffermo, l'uovo, il formaggio, l'erba cipollina, il prezzemolo tritato, l'olio evo, il sale ed il pepe
- Impastare bene per amalgamare tutti gli ingredienti e porre il ripieno nei pomodori
- Adagiare in una teglia su carta forno e cuocere a 200 C° per circa 15- 20 minuti
- Servire tiepido freddo

Vedi anche
- polpette di zucchine
- polpette di melanzane

lunedì 10 settembre 2012

Rigatoni con zucchine, funghi e speck

Saltapasta Domo collezione Majolica
Buon lunedì e come ogni inizio settimana cominciamo subito con un primo piatto.
Viste le giornate più fresche ho approfittato per cucinare un bel primo dal sapore auttunnale mettendoci però le zucchine che ancora fanno capolino nel nostro orto (ed infatti ci saranno altre ricette a tema "zucchina"). Se non avete dei funghi porcini potrete sostituirli con della semplice panna ai funghi. Infatti la prima volta che ho fatto questa ricetta è stato proprio per consumarne una confezione in scadenza!


Rigatoni con zucchine, funghi e speck
Dosi per 4 persone
- 280 g di rigatoni e la pasta che preferite
- funghi porcini
- 2 zucchine grandi
- 4 fette di speck
- panna da cucina
- 1/2 cipolla piccola
- 2 agli
- olio evo
- sale e pepe
 
- Pulire e, in una padellina, asciugare a fiamma bassa i funghi porcini
- Aggiungere l'olio evo e gli agli, salare e cuocere
- Cuocere la pasta in abbondante acqua salata
- A parte salare in olio evo la cipolla tritata, aggiungere le zucchine tagliate a julienne e lo speck, salare, pepare e cuocere; se necessario aggiungere un pò di acqua di cottura della pasta
- Gli ultimi cinque minuti di cottura incorporare i funghi e la panna
- Condire la pasta e servire caldo

giovedì 6 settembre 2012

Plumcake allo Yogurt

Piattino e tazza GreenGate
Come ci si organizza e si riesce a gestire un blog di cucina quando si hanno due bimbi piccoli, una casa (a scale) da mandare avanti ed un mal di schiena che proprio non ne vuole sapere di andare via? Pazienza, tanta pazienza ed un piccolo aiuto, almeno per quanto riguarda la parte culinaria. E l'aiuto è davvero piccolo, visto che ha appena tre anni ma è già una piccola cuoca provetta. 
Dovreste vedere con quanta cura e delicatezza (che per tutte le altre cose proprio non ha) mia figlia Claudia conta le uova, pesa la farina e, un cucchiaio alla volta, la mescola al composto di uova e zucchero; quanta attenzione dedica agli ingredienti che usa e al procedimento! Per non parlare della sua soddisfazione quando offre il suo dolce ai nonni, al papà o a chi passa da casa e la senti dire "ho messo lo zucchero, le l'ova e ho girato".
Questo e un altro plumcake (che vedrete la settimana prossima) lo abbiamo realizzato insieme. Io inforno sempre due cake alla volta perchè mi sembra che uno solo si perde nel forno!!
Il plumcake di oggi lo faccio da un pò di anni. Appuntai la ricetta dalla rete (non ricordo dove e dovesse esserci il proprietario/inventore, sarò ben felice di citarlo) e da allora non l'ho più lasciata. Piace davvero a tutti perchè morbido, umido, profumato e buonissimo! E poi è sempliccissimo da fare!


Plumcake allo yogurt
- 250 g di farina 00
- 200 g di zucchero
- 3 uova
- 1 vasetto di yogurt all'albicocca (io 2)
- 100 g di olio di arachide
- 50 g di burro
- 4 cucchiai di latte
- vanillina
- 1 bustina di lievito
 
- Battere le uova con lo zucchero e la vanillina finchè il composto non diventa gonfio e chiaro
- Unire in sequenza e battendo bene all'aggiunta di ogni ingrediente, il burro, lo yogurt, il latte, la farina setacciata con il lievito e l'olio
- Versare il composto in uno stampo da plumcake  (per me Domo) imburrato ed infarinato ed infornare a 160°C per circa 50 minuti.
 
Nota
- Io spengo il forno negli ultimi 5 minuti di cottura lasciando dentro il dolce

 
Vedi anche
 
 

mercoledì 5 settembre 2012

Muffin alle Erbe Aromatiche e Formaggio


Giornata carica di pioggia oggi! Ideale per infornare questi muffin salati alle erbe anche se questi li ho fatti in piena estate per avere qualcosa di sfizioso per cena, accompagnati da una bella insalata di pomodori.


Muffin alle erbe aromatiche e formaggio (fonte modificata: pasticceria salata del Corriere della Sera)
Dosi per 12 muffin
- 500 g di farina 00
- 16 g di lievito per dolci
- 6 uova
- 600 ml di latte
- 200 g di formaggio tipo fontina
- una bella manciata di formaggio grattugiato
- Un bicchiere di olio di semi
- una manciata di timo
- una manciata di erba cipollina
- una manciata di maggiorana
- semi di papavero e semi di sesamo per decorare
- un wurstel
- sale e pepe
- burro per lo stampo (il mio Guardini linea Keramia)

- Mescolare in una ciotola la farina, il lievito, le erbe aromatiche, il formaggio grattugiato, sale e pepe
- A parte battere le uova unendo a filo il latte ed il burro
- Versare il composto liquido su quello solido e miscelare con una frusta a mano fino ad ottenere un impasto omogeneo
- PEr ultimo, aggiungere il formaggio tipo fontina a cubetti
- Imburrare ed infarinare lo stampo per muffin e distribuirvi il composto
- Per alcuni muffin ho tagliato a tocchetti un grosso wurstel che ho messo nello stampo per muffin e che ho poi coperto con il composto preparato
- Decorare con i semi (io ho usato due colori per differenziare i due tipi di muffin)
- Cuocere in forno caldo a 180°C per circa 20-30 minuti

Note
- Nella ricetta originale il formaggio tipo fontina è grattugiato, io ho aggiunto del grana grattugiato quindi ho lasciato la fontina a cubetti

martedì 4 settembre 2012

Seppie Arrostite e Polpo in Insalata con Contorno di Patatate e Zucchine Profumate alle Erbe


Buondì, l'aria si è rinfrescata parecchio: che bello stare ai fornelli senza soffrire. Come consuetudine i martedì sul mio blog arrivano i secondi piatti e per oggi vi propongo questo abbinamento di pesce con un contorno molto gustoso. Una bella idea da servire anche per la cena. Provate le patate fatte in questo modo, sono buonissime!
Una buona giornata a tutti voi!
 

Seppie Arrostite
Dosi per 2
- 4 seppie di grandezza media
- olio evo
- Aglio
- 1-2 limone
- prezzemolo
- erba cipollina

- Pulire le seppie e staccarne i tentacoli
- Preparare la marinatura con gli ingredienti
- Marinare seppie e tentacoli per circa due ore
- Arrostire le seppie (su piastra o al camino)
- Servire calde, irrorate con il succo della marinatura

Polpo in Insalata
Dosi per 2
- 2 polpi di grandezza media congelati
- prezzemolo
- 1-2 spicchi di aglio
- 1 limone
- olio evo
- sale
- pepe TecAl

- Scongelare il polpo e tuffarlo in acqua bollente salata
- Cuocere per circa 40 minuti
- Quando è tenero, sgocciolarlo, togliere la pelle e tagliarlo a pezzi
- Condirlo con olio, limone, aglio in fette, prezzemolo tritato, pepe e lasciar insaporire

Patate alle erbe aromatiche
Dosi per 2
- 5 patate di media grandezza
- 4-5 foglie di salvia
-  erba cipollina
- 1 rametto di rosmarino
- una noce di burro
- olio evo
- sale
- pepe TecAl

- Bollire le patate e quando saranno tenere pelarle e tagliarle a tocchetti
- In una pentola antiaderente (per me Domo collezione Majolica) sciogliere il burro con l'olio e saltarvi le erbe aromatiche (salvia, erba cipollina e rosmarino)
- Aggiungere le patate ed insaporirle per alcuni minuti
- Salare e pepare e servire caldo/tiepido

Zucchine Trifolate Profumate alle erbe
Dosi per 2
- 2 zucchine medie
- erba cipollina
- qualche ago di rosmarino
- una noce di burro
- olio evo
- 1 aglio
- sale
- pepe Tec Al


- In una padella antiaderente (per me Domo collezione Majolica) soffriggere aglio, erba cipollina e rosmarino in olio evo più burro
- Aggiungere le zucchine tagliate a rondelle sottili, salare e cuocere
- Servire tiepide

Vedi anche
- Patate profumate alle erbe
- Patate al latte
- Zucchine con le uova strapazzate


lunedì 3 settembre 2012

Tagliatelle alla Carbonara con Zucchine, Fiori di Zucca, Pancetta


Buon lunedì a tutti!
Finalmente riesco a rientrare dopo una lunga assenza, non di vacanza, dal blog!
Le mie giornate sono super impegnate, dedicandomi di continuo solo ai bambini e nel tempo libero (quando dormono) alla casa. Ma va benissimo così, una pausa blog mi ci voleva proprio! Inoltre, con questa estate rovente è stato difficile anche cucinare. Ora, pian piano, rientrerò nei miei ritmi. Forse mi ci vorrà ancora un pò per passare a trovare gli amici blog, non so neanche chi di voi è rientrato dalla pausa estiva.
Vi lascio questo primo piatto preparato in piena estate, ottimo e super veloce!


Tagliatelle alla Carbonara con Zucchine, Fiori di Zucca, Pancetta
Dosi per 4 persone
- 300 g di tagliatelle (o la pasta che preferite)
- 2 zucchine grandi
- una decina di fiori di zucca
- 80 g circa di pancetta tesa
- 4 uova
- Formaggio grattugiato
- 1/4 di cipolla
- Olio evo
- Sale
- Pepe TecAl

- Soffriggere in poco olio evo la cipolla tritata e la pancetta tagliata a dadini
- Aggiungere le zucchine tagliate di lungo, salare, pepare e cuocere per una decina di minuti
- Intanto cuocere la pasta in acqua salata e se necessario aggiungere un poco dell'acqua di cottura alle zucchine
- In una scodellina, battere le uova; salare, pepare e aggiungere abbondante formaggio grattugiato
- Scolare la pasta e passarla per alcuni minuti a fiamma media in una saltapasta con le zucchine e la pancetta cotte e le uova battute
- Servire caldo


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...