giovedì 31 ottobre 2013

Biscotti Gatto e Biscotti Ragnatela


Io e mia figlia biscottiamo spesso insieme e per Halloween non potevano mancare dei biscottini "paurosi". Questi a gatto e ragnatela li ha voluti lei, sono semplici da realizzare ed il cioccolato bianco sul biscotto al cacao ci sta una favola. Sono simpatici da realizzare anche per una festa di bambini.
 

 
 
Biscotti gatto e ragnatela 
Dosi per 50 biscotti circa
- 220 g di farina 00
- 80 g di burro a pezzi
- 1 uovo
- 100 g di zucchero a velo
- 2 cucchiaini di cacao amaro
Per la decorazione dei biscotti a gatto
- Gocce di cioccolato fondente
Per la decorazione dei biscotti ragnatela
- 70 g di cioccolato bianco
- Gocce di cioccolato fondente oppure nutella per i ragnetti
 
- Impastare tutti gli ingredienti per ottenere un panetto morbido ed omogeneo, fare una palla, avvolgere in pellicola e lasciar riposare in frigo per almeno 30 minuti.
- Riprendere l'impasto, stendere la sfoglia a 1/2 cm e ritagliare i biscotti con un tagliapasta rotondo (va bene anche un bicchiere)
- Intagliare il gatto come dimostrato nella sequenza fotografica sotto riportata, usando le gocce di cioccolato fondente per fare gli occhi ed il nasino; i biscotti per il disegno della ragnatela vanno lasciati tal quali.
- Disporre i biscotti su teglia rivestita di carta forno ed infornare a 170°C, in forno ben caldo, per circa 12-15 minuti.
- Sfornare e raffreddare
- Fondere il cioccolato bianco e trasferirlo in un conetto di carta (va bene anche una siringa sterile senza ago), e partendo dal centro, disegnare dei cerchi fino all'esterno del biscotto. Con uno stuzzicadenti tirare il cioccolato per formare fili centrali della ragnatela.
- Per i ragnetti: passare al microonde le gocce di cioccolato fondente, in maniera che si ammorbidiscano, posizionarle sulla ragnatela e tirare le zampette con lo stuzzicadenti.
- Se non disponete di microonde, disponete una piccola goccia di nutella sulla ragnatela e tirate le zampette con lo stuzzicadenti.

 
 

mercoledì 30 ottobre 2013

Rape Rosse in Agrodolce


Ricetta sprint oggi e mooolto salutare! Mi piacciono tanto le rape rosse: non solo per il loro sapore particolare, che adoro, ma anche perché fanno tanto bene in quanto ricche di sali minerali, vitamine ed acqua. Le uso spesso in cucina, sia per colorare la pasta che come contorno; in genere condite con un filo di olio, aglio ed origano. Questa volta ho voluto farle in agrodolce!! Ottime da sole o come contorno per secondi di carne.


Rape rosse in agrodolce
Dosi per 4 persone
- 400 g di rape cotte
- 50 ml di aceto di vino
- 1 cucchiaio da tavola di zucchero
- 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
- Sale
- Pepe
- Menta
 
- Sciogliere lo zucchero nell'aceto freddo.
- Tagliare a dadini le rape cotte e saltarle in padella con l'olio per alcuni minuti, salare, pepare e addizionare l'aceto con lo zucchero continuando la cottura per altri 7-8 minuti.
- Servire con foglie di menta, sia tiepido che freddo.

lunedì 28 ottobre 2013

Tagliatelle Paglia e Fieno con Rucola, Peperoni e Pomodorini


Buon lunedì! Vi posto oggi un delizioso e veloce primo piatto di tagliatelle, ottimo con le temperature ancora miti che qui da noi continuano a persistere, almeno durante il giorno, visto che mattina e sera l'aria è bella fresca!!! Non vi nascondo il mio desiderio  che il freddo arrivi così da prepararmi tutti i giorni piatti più sostanziosi, caldi e fumanti e, soprattutto, di accendere il camino!!!!!!!


Tagliatelle paglia e fieno con rucola, peperoni e pomodorini
Dosi per 4/6 persone
Per le tagliatelle all'uovo
- 200 g di farina
- 1 uovo
Per le tagliatelle verdi
- 200 g di farina
- 200 g di spinaci
- 1 uovo
Per il condimento
- 600 g di rucola
- 400 g di pomodorini di collina in latta Mutti
- 2 grossi peperoni rossi
- Peperoncino tritato
- 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
- 1 aglio
- Sale

 
- Sbollentare brevemente gli spinaci in acqua bollente salata. Scolarli, strizzarli, e tritarli finemente.
- Fare la fontana con la farina, rompervi l'uovo al centro e battere con una forchetta, quindi addizionare gli spinaci tritati ed iniziare ad incorporare la farina..
- Impastare bene per ottenere un panetto morbido ed omogeneo, aggiungendo poca farina solo se occorre.
- Preparare anche la pasta all'uovo semplice.
- Avvolgere gli impasti in un canovaccio pulito e lasciar riposare per circa 30 minuti.
- Stendere la sfoglia con il mattarello o la tirasfoglie ed intagliare le tagliatelle (io ho tagliato a 0,5 cm le tagliatelle verdi e a 1 cm le tagliatelle all'uovo), disporre man mano su un piano leggermente infarinato
- Lavare ed asciugare i peperoni, quindi tagliarli a listerelle grosse.
- Saltare nell'olio caldo, l'aglio pulito e aggiungervi i peperoni e come diventano teneri i pomodorini. Cuocere a fiamma moderata per qualche minuto e, come i pomodorini cominciano a rilasciare il loro sughetto, addizionare i 3/4 della rucola lavata. Coprire la casseruola con un coperchio e proseguire la cottura per una decina di minuti, aggiungendo del peperoncino tritato.
- Lessare la pasta al dente, scolarla e saltarla bella casseruola con il condimento preparato e la rimanente rucola.

domenica 27 ottobre 2013

Gufetti di Pandispagna e Marmellata


I gufi mi sono sempre piaciuti, bellissimi e misteriosi con quei grandi occhioni che ti fissano. Ultimamente anche Claudia ha preso la fissa per questi volatili e da giorni mi chiede di farglieli in versione dolcino per Halloween.
Se tra gli adulti c'è chi adora e chi odia questa festa, per tutti i bambini Halloween è una vera e propria gioia. Il mondo dei mostri, con Frankenstein, Dracula, mummie e chi più ne ha più ne metta,  è presentato in maniera divertente e giocosa, trasformato in tante cose buone da mangiare, con zucche colorate che capeggiano in ogni dove, streghe che svolazzano contente e ragnetti pelosi sparsi qua e la;  non mancano i lavoretti fatti all'asilo e quelli fatti a casa, naturalmente. Poi ci sono i cartoni a rendere tutto più simpatico e divertente: chi ha visto Hotel Transylvania??
 
I gufetti di oggi sono davvero semplici da realizzare, li potrete realizzare con i vostri bambini, inoltre non vi porteranno via molto tempo.

 
Gufetti di pandispagna e marmellata
- 200 g di pandispagna
- 100 g di confettura di albicocche
- 20 g di burro morbido
Per decorare
- Confetti colorati tipo Smarties per gli occhioni
- Gocce di cioccolato fondente per le pupille
- Riso soffiato al cioccolato per il becco e le zampine
- Nutella
 
- Sbriciolare finemente il pandispagna, aggiungere la marmellata ed il burro fuso ed impastare per amalgamare bene gli ingredienti.
- Fare delle palline ovali (foto), stringerle leggermente su un lato (base corpo) e modellare le orecchie con le dita sull'altro lato che sarà quindi più largo (testa). Se volete realizzare anche l'effetto delle ali basta pizzicare leggermente i lati del corpo (vedi il gufetto con gli occhi verdi in alto).
- Applicare gli occhi ed intagliare le piume con una forbici da cucina, appiattendo poi con le mani i rialzi di pasta.
- Applicare il nasino e le zampette ed incollare le pupille con un goccio di nutella
- Conservare in frigo

                                 Clicca sulle immagini per ingrandirle

venerdì 25 ottobre 2013

American Breakfast per MTC N33


Colazione americana per la sfida N 33 dell'MTC di ottobre!
Mi sono sempre chiesta come facessero gli americani a mandare giù uova e pancetta la mattina presto e me lo chiedo tuttora perché io questa sostanziosa colazione me la sono dovuta pappare per pranzo. Stomaco a parte, che proprio non mi permetterebbe di ingoiare tutto questo alle 6:30 del mattino, per organizzarmi e preparare il tutto si è fatto piuttosto tardi. In più c'è stato un piccolo incidente di percorso e qui un coro di buuuuuuuuu!
Mi sono preparata tutto in anticipo, di mattina, salsa compresa, tenendo conto dei tempi che il piccolo mi porta via. All'ora di pranzo ho preparato il mio ovetto in camicia ed ho avuto la brillante idea (e non so come mi è venuta) di riscaldare la mia salsa olandese al micro. Risultato??? Quello che vedete in foto, in basso a sinistra: un uovo strapazzato, di un buono incredibile questo si, ma non valido ai fini della gara per la quale occorreva la salsetta. Di corsa ho ripreparato l'uovo, la pancetta e la salsa. In dieci minuti! 
Siccome il marito non ne ha voluto sapere di uova in camicia, ho dovuto organizzare la cosa quando ero sola. Morale della favola: mi sono pappata, in una sola volta, due uova, 4 fette di pancetta, due dosi di salsa olandese preparate con 3 tuorli!!! Finirò nel girone dei golosi, quello salato però! Per penitenza ho cenato con uno yogurt!!  
La colazione si compone di: uovo in camicia su english muffin con salsa olandese (Eggs Benedict), pancetta croccante, muffin all'uva fragola e muffin al cioccolato, succo di frutta (con le prime arance dell'orto).


English muffin
(Ricetta di Roberta)
- 450 g di farina 0
- 225 ml di latte intero
- 55 ml di acqua
- una bustina di lievito secco
- 2 cucchiaini di zucchero
- 1 cucchiaino di sale

- Versare i latte ed acqua tiepidi nella Macchina del pane, quindi addizionarvi in sequenza: lo zucchero, il lievito, la farina ed il sale.
- Azionare l'impastatrice, lasciar lievitare fino al raddoppio, quindi tirare la pasta allo spessore di 1/2 cm e tagliare i muffin con un tagliapasta rotondo (foto).
- Disporre man mano su carta forno, coprire e lasciar lievitare ancora 20 minuti.
- Cuocere gli english muffin in una padella antiaderente a fiamma moderata.


Salsa olandese
(Ricetta di Roberta)
- 4 tuorli
- 120 g di burro fuso
- la buccia e la scorza di mezzo limone
- Pepe
- Sale
 
- In un pentolino di acciaio, battere con una frusta i tuorli d'uovo con il sale ed il succo di limone.
- Passare la pentola al bagnomaria, facendo attenzione che il fondo non tocchi l'acqua in ebollizione, e continuare a mescolare i tuorli fino a che cominciano a diventare caldi, quindi addizionare il burro fuso.
- Continuare sul bagnomaria fino a che la crema diventa bella densa, aggiustare di sale e pepare.


Eggs benedict
- 1 uovo intero
- English muffin
- Salsa Olandese
Per accompagnare
- 2-3 fette di pancetta

- Aprire l'uovo in un piattino e tuffarlo nell'acqua quasi al bollore, cuocere 4-5 minuti e prelevarlo con una spatola, asciugarlo dall'acqua in eccesso su carta assorbente e adagiarlo su un English muffin, coprire con la salsa Olandese.
- A parte saltare in padella le fette di pancetta, devono diventare croccanti, quindi adagiare accanto all'uovo.



Muffin all'uva fragola e muffin con gocce di cioccolato
Dosi per 24 muffin - Stampo porta muffin Guardini
- 300 g di farina 00
- 250 ml di latte
- 150 g di zucchero semolato
- 90 ml di olio di semi
- 1 cucchiaio di succo di limone fresco
- 1 uovo
- 2 cucchiaini di lievito per dolci
- 2 cucchiai abbondanti di confettura di uva fragola
- 40 g di gocce di cioccolato

- Mescolare il latte ed il limone e lasciar riposare per una decina di minuti
- In una ciotola versare i liquidi (latte + limone, uovo, olio) e a questi incorporare gli ingredienti secchi (farina, lievito e zucchero).
 - Mescolare velocemente l'impasto, quindi dividerlo in due metà: in una addizionare la marmellata di uva fragola e miscelare e nell'altra le gocce di cioccolate.
- Rivestire con dei pirottini di carta uno stampo portamuffin ed infornare in forno caldo a 180°C per circa 25 minuti.



Per la bevanda
- 5 arance rosse
- 3 arance bionde
- 2 carote
- 2 cucchiai di zucchero semolato

- Spremere le arance e passare alla centrifuga le due carote.
- Mescolare e zuccherare

Nota
- Le arance del mio orto sono piuttosto aspre, ho dovuto quindi addolcirne il sapore con del succo di carota e dello zucchero.


Con questa ricetta partecipo alla sfida MTC del mese di ottobre

domenica 20 ottobre 2013

Marmellata di Uva Fragola


Eccomi qua con una nuova conserva! In verità ne ho fatte tante nell'ultimo periodo ma il tempo di postarle proprio non c'è stato e per tante di esse oramai è passato il periodo per invasarle.
Sono invece in tempo per lasciarvi la ricetta di questa confettura buonissima, che ha invaso casa nostra di un dolcissimo profumo!
Con il termine di uva fragola, detta anche uva americana, si identificano una serie di varietà di uva da tavola dal sapore particolarmente dolce e dall'intenso profumo di fragola; è inoltre ottima per fare liquori e conserve.
Se decidete di farne una confettura, non esagerate con le quantità di zucchero perché il frutto ne contiene già tanto di suo. E' una conserva facile da realizzare, veloce e piace tanto ai bambini per il suo sapore che ricorda, appunto, quello della fragola.
Io ho usato la varietà "fragola" che è quella ottobrina. Vi ricordo che questo è anche il periodo per fare la confettura di zucca.
 
Ringraziando chi mi chiede sempre come va, volevo comunicare che il mio blog sta andando a singhiozzi nell'ultimo periodo per un lavoro che sto ultimando! E tra casa e figli di tempo me ne resta poco. A breve tornerò con tante ricette!


Confettura di uva fragola
- 1,2 Kg di uva fragola già pulita
- 400 g di zucchero semolato
- 1 stecca di cannella
- 1/2 bicchiere di acqua
Attrezzatura
- Una casseruola con rivestimento antiaderente (la mia Domo)
- Un passaverdure
- Vasi in vetro puliti e sterilizzati in acqua bollente con coperchi nuovi
 
- Pulire l'uva, staccando gli acini, facendo attenzione a scartare quelli verdi immaturi e quelli ammuffiti.
- Pesare gli acini di uva e addizionare 1/3 del peso in zucchero, una stecca di cannella e l'acqua.
- Mescolare il tutto e lasciar riposare almeno un paio d'ore.
- Cuocere la frutta a fuoco lento per circa 1 ora in una casseruola con rivestimento antiaderente, rigirando di tanto in tanto.
- Passare la conserva al passaverdure, avendo cura di usare la griglia a fori stretti, rimettere in casseruola e cuocere fino alla densità voluta, circa 1 ora ancora.
- Invasare in vasi sterili e puliti, chiudere e sterilizzare a bagnomaria per 10-15 minuti dal bollore.

Note
- E' ovvio che se volete una confettura più dolce nulla vieta di aggiungere più zucchero. Vi consiglio però di non andare oltre la metà del peso della frutta da cuocere.

venerdì 11 ottobre 2013

Biscotti di Zucca e Gocce di Cioccolato


Ancora zucca!?!?! Ma che ci volete fare, io la adoro!!!
Quando ho infornato questi biscotti ammetto che avevo dei dubbi sul loro sapore ed ho subito pensato che questi non erano proprio dolcetti che potevano piacere a tutti e di sicuro me li sarei pappata tutti da sola. Invece non è andata così, questi biscotti non solo hanno avuto un successone ma sono anche finiti in un lampo.
Morbidi, profumati e deliziosi. La zucca si sente ed il cioccolato ci sta una favola. Adulti e bambini hanno gradito. Vi riporto la ricetta tratta da un libro sui biscotti che ho a casa con le mie modifiche. E se li provate fatemi sapere.


Biscotti di zucca con gocce di cioccolato
(Fonte modificata: dolci e biscotti Ed Mondadori)
Dosi per una trentina di biscotti
- 200 g di farina 00
- 200 g circa di purea di zucca cotta al forno
- 90 g di gocce di cioccolato
- 80 g di zucchero
- 40 g di burro
- 1/2 bustina di lievito per dolci
- 1/2 cucchiaino di bicarbonato (omesso)
- 1/2 cucchiaino di cannella in polvere
- 1/2 cucchiaino di scorza grattugiata di scorza d'arancia (omessa)

- Setacciare la farina, il lievito, il bicarbonato (io omesso), lo zucchero e la cannella in una terrina.
- Incorporare il burro freddo a pezzi, amalgamando per ottenere un composto granuloso.
- Aggiungere la purea di zucca, le scorze di arancia (io omesso) e le gocce di cioccolato (otterrete un composto morbido)
- Dosate con un cucchiaio i biscotti su una teglia rivestita con carta forno ed infornate a 170 °C per circa 15 minuti

Note
- Il libro consigliava la cottura a 190°C per 8 minuti
- I biscotti si conservano in scatole a chiusura ermetica per diversi giorni

Questa ricetta partecipa alla raccolta di Barbara

mercoledì 9 ottobre 2013

Crocchette di Zucca e Patate al Forno


Ed ecco un modo diverso di fare le classiche crocchette di patate! Con la zucca hanno tutto un altro sapore. In famiglia sono piaciute tantissimo, in più le ho fatte al forno che le ha rese certamente più salutari. Vengono bene anche fritte basta seguire un piccolo accorgimento che vi scrivo nelle note.


Crocchette di zucca e patate
- 800 g di patate
- 500 g di zucca
- 1 tuorlo d'uovo
- 50 g di formaggio grattugiato (parmigiano o pecorino)
- Pangrattato quanto basta
- Sottilette o scamorza
- Prezzemolo (facoltativo)
- Sale
- Pepe (se non sono destinate ai bambini)
 
- Pelare le patate e pulire la zucca privandola dei semi e della buccia.
- Sbollentare insieme patate e zucca finché non diventano tenere quindi, passarle allo schiacciapatate.
- Aggiungere alla purea di patate e zucca, oramai fredda, il tuorlo, il formaggio, il sale, il prezzemolo tritato e due o tre cucchiai di pangrattato per ottenere un composto malleabile
- Fare le crocchette con le mani, mettendo al centro una striscia di sottiletta o la scamorza tagliata a stiletto e passarle nel pangrattato, disporle su carta forno ed infornare a 180°C fino a doratura
 
Note
- Se decidete di friggere le crocchette allora passatele nel bianco d'uovo battuto dopo averle passate nel pangrattato
- La zucca può essere cotta tranquillamente al forno, in questo caso sarà più asciutta quindi evitate di addizionare il pangrattato all'impasto
- All'impasto potrete anche aggiungere prosciutto cotto a dadini

lunedì 7 ottobre 2013

Risotto Cremoso con Zucca, Piselli e Gamberetti


Premetto che io cucino pietanze a base di zucca tutto l'anno! A partire da gennaio/febbraio ne congelo in quantità industriale, cotta al forno e frullata oppure cruda tagliata a tocchetti, così da non farmela mai mancare quando ne ho voglia! Ma ottobre resta il periodo per eccellenza della zucca, quello in cui il sapore e l'odore di questo ortaggio per me assai amato sembra essere più forte e più buono!
Quindi via a risotti, minestre e pani, ma anche dolci e cose un po' più sfiziose per far felici anche i bambini. A breve vi posto dei biscotti con la zucca che hanno avuto un successone in famiglia!
Se invece amate i risotti super cremosi allora provate questo che vi propongo oggi! Il sapore della zucca si sente e si amalgama bene a quello dei piselli (dell'orto) e dei gamberetti; un arrivederci all'estate ed un benvenuto all'autunno!


Con me in cucina Le Creuset
Risotto cremoso con zucca, piselli e gamberetti
Dosi per 4 persone
- 300 g di riso
- 15 code di gamberetti pulite
- 300 g di zucca pulita
- 100 g di pisellini freschi
- 1/2 bicchiere di vino bianco secco
- Brodo vegetale quanto basta
- 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
- una noce di burro
- Erba cipollina essiccata
- Sale
- Pepe
 
- In una capace casseruola (la mia LeCreuset) saltare le code di gambero con l'olio ed il burro per pochi minuti.
- Addizionare il riso e tostarlo, quindi versare il vino e farlo sfumare
- Aggiungere un mestolo di brodo, la zucca tagliata a tocchetti piccoli, i piselli, l'erba cipollina, salare e pepare; amalgamare il tutto e portare a cottura aggiungendo brodo poco per volta.
- Servire caldo.
 
Nota
- Per un sapore ancora più intenso vi consiglio di preparare il brodo vegetale con la stessa zucca, parte dei piselli, una cipolla ed una patata. In questo caso aggiungete la zucca a metà cottura del riso.

venerdì 4 ottobre 2013

Biscotti Farciti con Crema al Limone all'Acqua

 
Mi piacciono molto i dolci al limone, ne preparo parecchi e molti non riesco neanche a fotografarli perché finiscono in un lampo. Questi dolcetti di oggi stavano facendo la stessa fine, fotografati in tutta fretta e poi finiti. La versione al cioccolato con frolla integrale invece è finita per "distrazione" tutta in bocca a chi è passato di li. La prossima volta raddoppio le dosi.
Dei biscotti simili li ho già postati in passato, una ricetta (qui) molto cliccata e molto apprezzata da chi l'ha replicata. Oggi ve ne propongo di simili ma con una farcia diversa, la famosa crema al limone all'acqua. Come per la volta scorsa, li ho confezionati per consumare la crema in eccesso che questa volta ho usato per farcire un rotolo di pasta biscotto limonoso (anche questo non fotografato ahimè!).
 

Biscotti farciti con crema al limone all'acqua
- Pasta frolla (per le ricette vedi qui, qui e qui)
Per la farcia al limone
- La buccia ed il succo di 1 limone biologico
- 1/2 litro di acqua
- 1 uovo
- 200 g di zucchero
- 50 g di fecola
 
- Preparare la frolla e lasciarla riposare in frigo per almeno 30 minuti.
- Preparare la crema. Battere le uova con lo zucchero, la buccia e la scorza del limone, la fecola e l'uovo in un pentolino capiente. Aggiungere l'acqua poco per volta mentre battete.
- Cuocere la crema al bagnomaria fino a che non si addensa. Spegnere e lasciar raffreddare
- Stendere la frolla con il mattarello in un disco sottile ed incidere con un tagliapasta rotondo (io ho usato un tagliaravioli rotondo) dei discetti su cui disporre un cucchiaino abbondante di ripieno al limone, coprire con un secondo disco ed incidere il biscotto.
- Disporre tutti in biscotti su teglia rivestita di carta forno ed infornare a 170°C per circa 15 minuti o finché si colorano leggermente.

Note
- Seguite passo passo la crema come spiegato ed anche se all'inizio vi sembrerà molto liquida, fidatevi che si addenserà raggiungendo una bella consistenza soda.
- Non vi riporto le dosi ma con questa crema ed una frolla di 400/500g potrete fare abbondantemente un'ottantina di biscotti.

giovedì 3 ottobre 2013

Raimbow Cake con Crema al Cioccolato e Nesquik

Torta raimbow cake
 
"mamma voglio una torta al cioccolato, tutta colorata dentro, tutta rosa fuori e con i cuori sopra"!
Una valanga di richieste!!
Si, perché finché era piccolina il tema della torta lo sceglievo io, ora invece è lei a decidere e soprattutto a partecipare ai lavori. Lavori che ha seguito fino a tarda sera, con la massima attenzione ai colori che usavo per i dischi.
Per non parlare poi di quante volte ha aperto il frigorifero, tutta soddisfatta della torta, per farla vedere a chi veniva a casa ma anche per contemplarsela da sola. Non c'è soddisfazione più grande che fare felici i bambini!!!
 
La Rainbow cake era la torta che poteva soddisfare tutte le richieste fatte!! Questa torta l'avevo già realizzata per l'onomastico di Claudia ma con una ricetta diversa. Poi ho visto quella di Aria e successivamente quella di Imma ed ho deciso di provare questa. Non che la prima non mi avesse soddisfatta ma la mia ricetta  non prevedeva il solo uso degli albumi.
Per la farcia ho usato quella già collaudata con la prima Rainbow cake, che a mio parere ci sta benissimo; una favolosa crema cioccolato e Nesquik, presa da qui ma ammorbidita con un po' di panna.
Non è una torta difficile da fare, se avete stampi da 22 cm è meglio perché potrete infornali a due a due. Io avevo due stampi da 24 cm quindi ho dovuto sfornare un disco alla volta.
E come sempre le foto delle mie torte non sono un granché, sempre scattate di fretta e con tutti che aspettano di assaggiare il dolce.


Rainbow Cake
Dosi per 6 basi in stampo da 22 o 24 cm di diametro
- 400 g di farina
- 5 albumi d'uova grandi
- 250 g di burro
- 500 g di zucchero semolato
- 400 ml di latte
- 1 pizzico di sale
- una bustina di lievito per dolci
- Coloranti in gel
Per la crema (Fonte qui)
- 500 ml di latte
- 50 g di maizena
- 50 g di zucchero
- 150 g di Nesquik
- 70 g di cioccolato fondente
- 2 o 3 cucchiai di panna montata
Per la decorazione
- Panna montata
- Coloranti in gel lilla e viola
- Codette di cioccolato rosa
- Cuoricini di cioccolato rosa

Per le basi
- Setacciare in una ciotola farina, lievito e sale.
- Lavorare il burro con metà dello zucchero e come comincia a diventare gonfio e spumoso aggiungere l'altra metà dello zucchero, continuare a lavorare.
- Addizionare gli albumi uno alla volta, continuando a far girare le fruste per ottenere un composto gonfio.
- Aggiungere quindi la farina alternando con il latte.
- Dividere il composto in sei ciotole e colorare con i colori scelti.
- Versare ogni composto nelle tortiere imburrate ed infarinate ed infornare a 170° per 15 minuti (non di più o il disco brucia).
- Sfornare e lasciar raffreddare su una gratella per dolci.

Per la farcia
- Sciogliere il cioccolato nel latte a fiamma dolce.
- Allontanare dal fuoco ed aggiungere il Nesquik setacciato, lo zucchero e la maizena.
- Rimettere sul fuoco e sempre a fiamma dolce raggiungere la consistenza desiderata.
- Raffreddare ed aggiungere la panna montata così da addolcire la crema.

mercoledì 2 ottobre 2013

Polpette Morbidissime con Zucchine, Patate e Ricotta


Ed eccomi di nuovo tra voi!
L'inizio dell'asilo ci ha regalato un bel po' di giorni d'influenza (la prima settimana), poi è arrivato il compleanno della mia piccola (a breve vi mostro la torta) ed un lavoro che sto ultimando in questo periodo. Non sono riuscita a postare neanche una ricetta in questi giorni ma recupererò a breve non vi preoccupare. Anche perché si sta avvicinando il periodo che piace tanto a me, con zucche, minestre, cose calde da sfornare e dolci con le belle mele che il frutteto ci ha regalato quest'anno.
Quindi, a meno di non essere colpiti, nonni compresi, da una nuova orda di virus portati con tanta gioia da Claudia quando torna dall'asilo, io sarò qui a postarvi le mie ricette!!
 
Ed ora passiamo alla ricetta di oggi! Queste polpette di zucchine vi piaceranno tantissimo perché sono di un morbido e di un buono incredibile. I bambini le hanno spazzolate e mio marito le ha divorate. Ho provato a farle anche senza l'uovo (quelle rotonde) per vedere la differenza. Sono entrambe buone, anche se, naturalmente, quelle con l'uovo si completano di più nel sapore.
E se vi interessano qui troverete un'altra versione di polpette di zucchine e qui quelle di zucchine e carote.

 
Polpette morbidissime con zucchine, patate e ricotta
Dosi per 15 piccole polpette
- Uno zucchina grande
- Una patata grande
- 100 g di ricotta
- Mollica di pane del giorno prima (non deve essere troppo secca)
- Formaggio grattugiato
- 1 uovo
- 2 cucchiai rasi di pangrattato
- Sale
 
- Lavare, ridurre a piccoli pezzi e cuocere le zucchine con le patate al vapore finché diventano morbide.
- Passare con il mixer ad immersione le zucchine e le patate cotte in maniera da ottenere una purea.
- Sbriciolare la mollica di pane in una ciotolina e versarvi sopra la purea di zucchine e patate ancora calda, salare, aggiungere il formaggio e la ricottina ed amalgamare il composto; se serve addizionare altro pane sbriciolato fino ad ottenere un composto che sta insieme ma ancora molto morbido.
- Per la versione senza uova: disporre le polpette, aiutandosi con un cucchiaio, direttamente su teglia rivestita di carta forno.
- Per la versione con le uova: addizionare l'uovo intero ed il pangrattato, amalgamare gli ingredienti e fare le polpette come sopra.
- Infornare a 180°C per circa 25 minuti.
- Servire calde.
 
Note
- La purea di zucchine e patate si presenterà piuttosto acquosa, quindi non usate latte per ammorbidire il pane.
- Per completare la ricetta, potrete aggiungere all'impasto dei dadini di prosciutto cotto.
- Io ho cotto le verdure al vapore ma anche la cottura per sbollentatura va bene. Attenzione però a non stracuocerle.
- Se avete un microonde potrete usare anche verdure del giorno prima, quindi riscaldarle e passarle calde al mixer.
 
 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...