lunedì 17 febbraio 2014

Strudel salato al tartufo nero e formaggi su fonduta cremosa

 

Questo mese per l'MTC è di scena lo strudel, sia in versione dolce che salata. La proposta è di Mari, la vincitrice della scorsa edizione.
Io parto con la mia versione salata e con un metodo di preparazione per me tutto nuovo.
Periodo ricco di tartufi, la varietà  nera invernale per la precisione. In questa settimana li ho usati in tutte le "salse" e devo trattenermi dal non farli entrare come ingrediente anche nella versione dello strudel dolce.
Nella ricetta di oggi, vi propongo un ripieno cremoso al formaggio, dove la nota decisa, intensamente profumata, regalata dal tartufo ha prevalso si ma senza coprire troppo gli altri sapori; e la fonduta aromatizzata al tartufo ha completato alla grande questo piatto, creando un connubio di sapori che suggerisco agli amanti del cosiddetto "oro nero".


Strudel salato al tartufo nero e formaggi su fonduta cremosa
Per la sfoglia
- 150 g di farina 00
- 50 ml di acqua
- 1 pizzico di sale
- 1 cucchiaio di olio d'oliva
Per il ripieno
- 250 g di ricotta vaccina
- 100 ml di panna da cucina
- 1 uovo
- 50 g di grana grattugiato
- 50 g di formaggio caprino grattugiato
- 1 piccolo tartufo nero
- Sale
Per la fonduta
Dosi per ogni portata come in foto
- 100 ml di panna da cucina
- 40 g di fontina
- Tartufo grattugiato
- Sale

- Fare la fontana con la farina ed il sale, versarvi al centro l'olio e l'acqua molto calda ma non bollente. Impastare brevemente gli ingredienti per ottenere un impasto morbido. Far riposare 30 minuti coperto da un canovaccio pulito.
- Preparare il ripieno. Lavorare la ricotta con un cucchiaio in legno, addizionare l'uovo leggermente battuto, il sale, i formaggi e la panna; amalgamare il tutto.
- Pulire il tartufo sotto acqua corrente, con una spazzola a setole morbide, in modo da eliminare tutti i residui terrosi.
- Stendere la sfoglia con un mattarello, su un canovaccio pulito, fino ad ottenere un rettangolo di circa 25 cm per lato.
- Spalmare il ripieno sulla sfoglia e grattugiarvi sopra il tartufo.
- Ripiegare i due lembi laterali, quindi arrotolare lo strudel aiutandosi con il canovaccio.
- Chiudere lo strudel nel canovaccio e legarlo a formare un salsicciotto utilizzando uno spago da cucina.
- Portare a bollore l'acqua in una pentola che possa contenere lo strudel (la mia casseruola ovale 27 cm  LeCreuset) e salare.
- Adagiare nella pentola lo strudel in modo che non tocchi il fondo e cuocere per circa 30 minuti.

 
- Preparare la fonduta. Riscaldare la panna a fiamma dolce e come sobbolle addizionare la fontina tagliata a pezzi piccoli. Salare e lasciar addensare sempre a fiamma dolce. Per ultimo, grattugiarvi una bella manciata di tartufo nero.
- Liberare lo strudel dal canovaccio, tagliarlo in fette spesse 2 cm.
- In un piatto da portata versare la fonduta preparata, adagiarvi le fette di strudel e servire (a piacere) con una generosa grattugiata di tartufo nero.


 
Con questa ricetta partecipo all'MTC di febbraio
 

26 commenti:

  1. Slurp,una vera bontà!!! :PP
    Foto come sempre magnifiche,bravissima cara!!
    Un bacio e buona domenica a te

    RispondiElimina
  2. Un piatto che si annuncia ancor prima d'essere presentato, profumi protagonisti indiscussi ....e preziosi!!:))

    RispondiElimina
  3. Proposte di altissimo livello a questo giro, ma non me ne vogliano gli altri, formaggi e tartufo stanno davanti a tutti. Chapeau, mi inchino al profumo e al gusto di questa meraviglia....

    RispondiElimina
  4. caspita, sono scettica sullo strudel salato ma tu mi hai messo una super voglia di provarci! con l'oro nero, poi...che sublime pietanza hai creato,beati i tuoi commensali! Tutto bene? io così così, leggermente meglio dai, voglio essere ottimista!

    RispondiElimina
  5. ciao Natalia, li faccio anch'io, sono comodissimi e buoni anche gli strudel salati, complimenti per il tuo, molto raffinata come ricetta , complimenti, golosissima, ciao grazie per la ricetta, buona domenica a presto rosa.)

    RispondiElimina
  6. Cara Natalia, non può convincermi la tua proposta di strudel salato, perchè amo tantissimo il tartufo e lo amo anche abbinato ai formaggi. Quindi il tuo strudel mi piace molto, per la scelta del tipo di formaggio da utilizzare per il ripieno, delicato in modo da non coprire il sapore e il profumo del tartufo. E del formaggio, la fontina, utilizzato per la fonduta, giustamente in dosi ridotte per dare cremosità senza però sovrastare la delicatezza dello strudel. Bravissima!
    Grazie mille per la tua proposta.
    Mari

    RispondiElimina
  7. Buonissimo!!!!!!!!!!!!! a parte il mwraviglioso ripieno.. per me è una novità la cottura in pentola!!!!! complimenti! smack e buona domenica

    RispondiElimina
  8. Per me il tartufo è una droga, lo grattugerei perfino nel caffè, figuriamoci in uno strudel!

    Ottimo

    RispondiElimina
  9. Natalia ...non sai come ti stia invidiando i tartufi...da noi nemmeno a pagarli oro..... Buona serata , Flavia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flavia, mio padre ha degli ottimi cani da tartufo! Peccato siamo così lontane!

      Elimina
  10. Magnifico strudel al tartufoo! Ne voglio una fettina...anzi...una fettonaaaa!! :D
    mmmmh.. mi ha fatto venire l'acquolina :P

    RispondiElimina
  11. anche a me ha incuriosito un sacco la modalita' del salato! e qui in Spagna le fragole ci sono gia' e sono buone!

    RispondiElimina
  12. Ma che buono questo piatto!!!Complimenti

    RispondiElimina
  13. Che versione intrigante!! Decisamente una delle accoppiate che più mi piacciono, formaggi e tartufi: una delizia, complimenti!!!

    RispondiElimina
  14. Io sono un'amante dell'"oro nero". Questo strduel fa per me.

    RispondiElimina
  15. uau che sciccheria!! da leccarsi i baffi! bacioni cara

    RispondiElimina
  16. E' semplicemente favoloso!!!!
    Complimenti Natalia!!!
    Un abbraccio e buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  17. Quando leggo tartufo mi si drizzano le antenne, lo adoro!!!!!

    RispondiElimina
  18. Ciao, che raffinata preparazione, per gli amanti dell'oro nero una vera bontà, in bocca al lupo per la sfida!!!
    Baci

    RispondiElimina
  19. Formaggio e tartufo è un accoppiata che sta avanti a tutto il resto. Semplicemente immensa!!!

    RispondiElimina
  20. Eh sì! Anche a me piace molto il tartufo!
    Baci :D

    RispondiElimina
  21. Mamma mia che delizia deve essere questo strudel... complimenti davvero!
    Un abbraccio
    Sandra

    RispondiElimina
  22. 1. Adoro il tartufo
    2. Stravedo x qualunque tipo di formaggi
    3. Trovo gli strudel sfiziosissimi
    ....ergo sono pazza di questo piatto:-)

    RispondiElimina
  23. Ingredienti ricercati per palati raffinati!

    RispondiElimina
  24. E' difficilissimo cucinare il tartufo, checché se ne dica- tant'è che di solito lo si consuma a crudo. Ma l'uso che ne hai fatto tu è magistrale, a cominciare dal tipo usato e per finire con la scelta di una cottura non aggressiva. Il risultato è un signor strudel, che nobilita una preparazione povera, trasformandola in un piatto di grande raffinatezza ed equilibrio. Bravissima!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...