mercoledì 13 maggio 2015

Ciabatta di semola di grano duro con lievito di birra

Ciabatta di semola

Oltre a panificare con il lievito madre, utilizzo anche il lievito di birra, ma in quantità molto ridotte rispetto alle dosi indicate su molti testi di cucina. 
Certo il pane a lievitazione naturale ha tutto un altro sapore e una conservabilità migliore, ma quando ho poco tempo e necessità di portare a tavola il pane per il pranzo faccio impasti veloci come questo di oggi.
Nelle note vi riporto anche un piccolo consiglio (per chi già non lo sa) su come evitare sprechi sul lievito di birra.


Ciabatta di semola di grano duro
Ricetta tratta e modificata da: pane, pizze, focacce e torte salate, Giunti Demetra
Tempo occorrente: 3 ore circa
Dosi per 6 ciabatte
- 500 g di semola rimacinata di grano duro
- 8 g di lievito di birra
- 1 cucchiaino di malto
- 10 g di sale fino
- 1 cucchiaino raso di zucchero
- 400 ml circa di acqua
 
- In una tazzina da caffè, sciogliete il lievito di birra con lo zucchero
- Impastate farina, malto, i 3/4 del lievito sciolto (circa 2 cucchiaini) e 300 ml di acqua. Lavorate 5 minuti, poi lasciate riposare per mezz'ora.
- Trascorso il tempo di riposo, utile all'impasto il lievito rimasto e 100 ml di acqua (non tutta, potrebbe non servire), impastate per altri 5 minuti (io ho impasto per 10 minuti), dovrete ottenere un impasto soffice e omogeno, regolatevi con l'aggiunta di acqua o farina. Coprite e lasciate lievitare per 50-60 minuti.
- Trasferite l'impasto su un piano leggermente infarinato e sgonfiatelo delicatamente con i pugni chiusi, quindi fate una piega a libro. Coprite con un canovaccio e lasciate riposare 30 minuti.
- Dividete l'impasto in 6 pezzi e formate le ciabatte che disporrete su teglia rivestita di carta forno.
 
 
- Lasciate lievitare ancora 50-60 minuti, poi infornate a 220 °C, in forno ben caldo e con ciotolina di acqua, per i primi 2 minuti, abbassate la temperatura a  200°C e proseguite fino a doratura delle ciabatte, circa 15 minuti.
 
Note
- Ho pennellato con acqua alcune ciabatte (potrete anche usare olio) ed ho cosparso con origano e sale fino prima di infornare
- I tempi di lievitazione con il caldo potrebbe anche essere ridotti
- Un panetto di lievito di birra ha un peso di 25 g. Una volta prelevato quello che vi occorre congelate il resto e quando serve prelevatene quel tanto che basta tagliandolo con un coltellino, vi assicuro che il lievito è funzionante e attivo. In genere io lo sciolgo da congelato con un cucchiaino raso di zucchero.

12 commenti:

  1. Un pane stupendo!! complimenti :D

    RispondiElimina
  2. Io non lo uso più solo perchè ormai sono dipendente dalla pasta madre.. ma ricordo che mi dava ottimi risultati utilizzandone pochissimo.. proprio come te! Son bellissime e ben alveolate le tue ciabatte! smackkk

    RispondiElimina
  3. davvero ottime, io la pasta madre non la so usare, quindi sempre lievito di birra e mi da risultati piu' che soddisfacenti!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
  4. Una ciabatta superlativa cara,bravissima!!! :-))
    Un abbraccio,ciao <3

    RispondiElimina
  5. Mi sembra davvero ottimo il risultato ottenuto!

    Fabio

    RispondiElimina
  6. Una bella lievitatura , sono venute molto belle e gustosissime !

    RispondiElimina
  7. L'aspetto è molto invitante di queste ciabatte, ricetta da copiare.

    RispondiElimina
  8. Che bello questo pane, ben lievitato e soffice, bravissima! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  9. Ho proprio della farina di semola da finire! perfetta questa ciabatta, sei bravissima! A presto

    RispondiElimina
  10. Lo congela anche io e ne uso molto meno pure io, ma non tutti lo sanno difatti. Queste ciabattine sono ottime mi hai messo una voglia di panificatori. ..ho giusto acquistato oggi delle farine particolari, non vedo l'ora di utilizzarle!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...