martedì 5 maggio 2015

Minestra nera o cavolo spigarello ripassata in padella

 

Che in questo blog non troverete solo foto di pietanze sempre gradite, al gusto e all'occhio, lo avrete capito da tempo. La mia è prevalentemente una cucina d'altri tempi, fatta di ingredienti sani e genuini, per la maggior parte provenienti dall'orto di famiglia.
Le verdure in casa mia abbondano e anche se i miei figli non le amano per niente, io cerco di ingegnarmi e cucinarle nei modi più disparati.
Io adoro tutte le verdure invece. Quindi ben vengano (per me) le ricette classiche, quelle difficili da fotografare e da presentare (ed io in questo non sono certo una cima) ma troppo buone e importanti per la nostra salute per ometterle da un blog che è nato proprio per condividere una passione culinaria legata soprattutto alle tradizioni di famiglia.
 
La minestra nera o cavolo spigarello (Brassica oleracea L.), qui dalle mie parti detta anche cima nera, è un'ortiva molto coltivata in Campania, in particolare nel periodo invernale, perché molto resistente al freddo. Si tratta di un'antica varietà di broccolo, con un sapore delicato, non amaro; se ne utilizzano foglie e infiorescenze per la preparazione di minestre o semplicemente ripassate con olio e aglio. In genere la raccogliamo nel periodo che va da novembre a inizio primavera, ma visto il tempo particolare, quest'anno siamo arrivati fino ad aprile inoltrato.


Minestra nera o cavolo spigarello ripassata in padella
- Cavolo spigarello
- 2-3 spicchi d'aglio
- 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva
- Sale
- Peperoncino (facoltativo)
 
Per accompagnare
- Pannocchiette agrodolci Zuccato
 
- Pulite la minestra eliminando eventuali parti danneggiate e steli duri. Lavate le verdure accuratamente, poi gocciolate in colapasta.
- In una capiente wok (la mia Domo) scaldate l'olio extravergine con gli spicchi d'aglio puliti e come inizia a sfrigolare adagiatevi la minestra (se preferite potrete togliere gli spicchi d'aglio, qualcuno ce li lascia per un sapore più intenso), coprite con coperchio e lasciate cuocere, rigirando di tanto in tanto, fino a che le verdure non saranno diventate tenere e scure (vedi foto). Salate durante la cottura e addizionate del peperoncino in polvere gli ultimi cinque minuti.
- Servite caldo, tiepido oppure freddo
 
Nota
- La minestra nera ripassata si presta bene come contorno da accompagnare a carni o pesce

Wok Domo

11 commenti:

  1. E a me... le tue ricete così genuine e casarecce piacicono da matti!!!!! ottimo questo cavolo nero cucinato così!!!!!! smack

    RispondiElimina
  2. Nat a me la semplicità, la genuinità e la tradizione delle tue ricette è quanto mi piace ... poi chissene delle foto, dove invece sei bravissima! La minestra deve essere buonissima... !! Un bascione

    RispondiElimina
  3. Bella ricetta genuina e salutare... adoro le verdure e questo cavolo.... lo cerco!!!!!

    RispondiElimina
  4. e secondo me fai benissimo, perchè vedrai che crescendo impareranno ad amarle e le mangeranno senza storie!per il resto sono completamente d'accordo con te

    RispondiElimina
  5. Anche a me piace ogni sorta di verdura, importante che sono salutare e poi di gusto se non tanto, non importa. Il cavolo nero l'ho comprato e ho fatto addirittura un buon risotto e anche della pasta. Erano venute molto buone. Sono buone anche saltate in padella. I miei proprio questa verdura la mangia molto volentieri ma ci sono delle verdure che non tutti li gradiscono, ma alla fine con un pò di brontolio qualcuna la mangia e qualcuno proprio non c'è verso. Va beh,.. arriverà anche per loro il giorno che piacerà !

    RispondiElimina
  6. sarà che anche io mi faccio delle scorpacciate pazzesche di verdura, ma sto cavolo spigarello (che qui a Padova non credo avere mai visto, o si chiama in un altro modo???) mi piace davvero molto!!!

    RispondiElimina
  7. Vado matta per i cavoli, ma questa varietà mi manca all'appello, lo devo assolutamente trovare!

    RispondiElimina
  8. deve essere di un buono questa minestra di cavolo spigarello, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
  9. non sai quanto ti invidiamo l'orto di famiglia, continua a farci vedere e imparare a preparare questi piatti

    RispondiElimina
  10. Caspita anch'io non ho mai visto nel reparto verdura questo tipo di cavolo...io sono di Vicenza e forse qui nella nostra zona non è così diffuso...un vero peccato!!

    RispondiElimina
  11. Fai benissimo a riproporre ricette di una volta perchè è importantissimo non dimenticarle e tramandarle...in fin dei conti si tratta sempre di ricette salutari...come la tua minestra favolosa! Un abbraccio!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...