domenica 2 maggio 2021

Cuciniamo le erbe spontanee: la frittata di viticelle o vitaglie


Il tema di questo mese con gli amici dell'Italia nel Piatto è dedicato alle erbe spontanee e alle piante aromatiche.  Argomento culinario davvero indovinato questo, visto il periodo quanto mai favorevole per la ricerca e la raccolta di tutte quelle essenze aromatiche che possono essere usate in cucina per preparare tante prelibatezze culinarie. 

Ogni regione ha sicuramente un'erba spontanea caratteristica e una ricetta della tradizione a essa legata. In Campania si raccolgono diverse erbe spontanee nei vari periodi dell'anno, finita la stagione dei cardilli, di cui vi ho parlato nel precedente post, ora è il momento degli asparagi selvatici e delle vitaglie, chiamate anche viticelle o vitalba. Il nome botanico corretto è Clematis Vitalba


Il nome di quest'erba spontanea deriva probabilmente dall'aspetto della sua foglia che somiglia molto a quella della vite, tra l'altro la vitaglia presenta anche dei viticci molto simili a quelli della pianta dell'uva. 
Le vitaglie crescono spontaneamente, a partire dalla tarda primavera, nei campi incolti in varie zone d'Italia. 
Alcuni confondono la vitaglia con l'asparago selvatico, tanto che in alcune zone l'ho sentita chimare proprio in questo modo, ma le due piante spontanee sono totalmente diverse, sia nell'aspetto che nel sapore. 
 
Fonte foto: qui

La vitaglia ha un sapore piuttosto amarognolo, decisamente marcato alcune volte. Personalmente è proprio questo sapore che la rende unica e particolare, una vera prelibatezza in cucina. La vitalba viene cucinata in diversi modi, a seconda delle tradizioni locali. Nella mia famiglia (nell'Avellinese) si usa cucinarla a frittata, che io adoro. Nel beneventano inceve usano la vitaglia per fare le frittelle con farina e acqua, devo dire altrettanto buone.  Io oggi vi posto la ricetta che preparo più spesso, che è la frittata di vitaglie e che adoro consumare in mezzo a due fette di pane casereccio. 


Frittata di vitaglie o viticelle
- un bel fascio di vitaglie 
- 5-6 uova grandi (dipende dalla quantità di vitaglie)
- Sale
- Olio per friggere 

- Pulite le vitaglie, eliminando i filamenti erbacei più duri e rovinati
- Lavate le vitaglie sotto acqua corrente fredda, poi scottatele per 3 minuti circa in acqua bollente salata.
- Scolate le vitaglie e fatele raffreddare
- In una ciotolina battete le uova con il sale, addizionate le vitaglie e mescolate
- Scaldate l'olio in una larga padella e cuocete la vostra frittata di vitaglie.
- E' ottima sia calda sia fredda. 



 


Ed ecco le altre ricette regionali per il tema di questo mese 

Valle d’Aosta: Erbe e piante aromatiche e il Pancotto alla salvia
Piemonte: Rabaton alessandrini con erbe spontanee e aromatiche
Liguria: aggiadda (agliata)
Lombardia: Risotto alle ortiche e raspadura
Trentino-Alto Adige: Strangolapreti alle ortiche
Veneto: Pide turca con le rosole
Emilia-Romagna: Pasta fresca all’erba cipollina e limone
Toscana: Salsa verde
Marche: Gnocchi di erbe spontanee delle Marche
Umbria: Fojata - La torta salata umbra con erbe spontanee
Lazio: Linguine al pesto di mentuccia
Abruzzo: Pollo alla cacciatora con erbe aromatiche
Molise: le cicerchie all’origano
Puglia: Taralli pugliesi al rosmarino
Basilicata: Focaccia dolce all’origano
Calabria: Cuzzupi cu l’ananzu, il prezioso anice nero della Sila
Sicilia: Finocchietto Selvatico al Sugo
Sardegna: Filetto di maiale su seada al pecorino con susine caramellate al mirto e miele di macchia mediterranea


Italia nel piatto: https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto/
https://www.instagram.com/italianelpiatto/

giovedì 15 aprile 2021

Grissini con lievito madre


Nuovo appuntamento con le amiche del Granaio-Baking-Time. Per questo giovedì vi posto la ricetta di questi grissini che faccio molto spesso, sopratutto quando ho esuberi di lievito madre da smaltire. Sono veloci da realizzare a possono essere aromatizzati con le aromatiche che preferite. Hanno un solo difetto e cioè sono irresistibili da sgranocchiare e per questo fanno uno tira l'altro. 😅😆


Grissini con lievito madre 

- 500 g di farina 0
- 80g di pasta madre
- 300 ml di acqua a temperatura ambiente
- 10 g di sale fino
- 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
- erbe aromatiche a piacere (me me origano) 




Procedimento
- Sciogliete la pasta madre in parte dell'acqua
- Miscelate la farina con le erbe aromatiche scelte
- Verate la farina nella ciotola della planetaria, aggiungete la pasta madre sciolta, il resto dell'acqua e l'olio. 
- Avviate la macchina e fate lavorare per per 7-8 minuti, poi addizionate il sale sciolto in poca acqua.
- Lasciate lavorare l'impasto per una decina di minuti.
- Rovesciate l'impasto su una spianatoia e appiattitelo con un mattarello allo spessore di 1 cm.
- Pennellate la superficie dell'impasto con olio e coprite con pellicola per alimenti.
- Lasciate riposare per 3 ore, poi togliete la pellicola e tagliate i grissini.
- Disponete i grissini su una teglia rivestita di carta forno e fateli riposare ancora mezz'ora
- Se volete li potrete pennellare ancora con olio prima di infornali a 190°C fino a doratura, circa 18-20 minuti. 


Ed ecco le ricette nel paniere di oggi  

venerdì 2 aprile 2021

La cucina povera del passato: cardilli, pomodori e pane.


Il tema dell'Italia nel Piatto di questo mese è dedicato alla cucina povera del passato, a quei piatti che un tempo venivano preparati con pochi e semplici ingredienti, che spesso rappresentavano il pranzo di intere giornate di lavoro. 

In Campania sono molte le ricette "povere" di un tempo che ancora oggi si preparano quotidianamente: preparazioni fatte di pochi ingredienti, sani e genutini, che trovano sempre spazio sulle tavole dei campani. 
Ad esempio a casa mia prepariamo fave e cipolla, il pane cotto con l'olio e l'origano, la scarola con i fagioli, i broccoli con il "pane sotto", il pane duro con i pomodori, tutte ricette povere e di riciclo. Proprio come si faceva in passato, anche nella mia cucina non si butta mai nulla e molto spesso gli alimenti che avanzano, il pane sopratutto, sono abbinati con gli ortaggi del nostro orto, molti dei quali crescono ancora spontanei.
Tra questi i cardilli, un'erba spontanea, dal sapore amarognolo, che abbonda sopratutto in questo periodo. In cucina i cardilli vengono scottati e conditi con olio e sale, oppure ripassati in padella con aglio, olio e peperoncino. Mia suocera mi ha raccontato che i cardilli in passato erano preparati in questo modo e portati nei campi durante le giornate lavorative, se si aveva a diposizione del pane meglio ancora, perchè questo rendeva più sostanzioso il pranzo.
Ho voluto replicare quella ricetta, proprio come me l'ha dettata lei. I pomodori erano un'aggiunta, se c'erano bene, altrimenti si mangiavano solo i cardilli con il pane. 

Una ricetta gustosta nella sua semplicità. 


Cardilli, pomodori e pane
- Cardilli
- 2 spicchi di aglio
- una decina di pomodorini
- Olio extravergine di oliva
- Sale
- Pane raffermo

Preparazione
- Lavate molto bene i cardilli, se sono di campo come i miei è meglio fare più passate nell'acqua fresca.
- Scolare la verdura e tuffarla in acqua bollente salata
- Cuocere per 7-8 minuti
- Scolare conservando un pò di acqua di cottura se li preparerete con il pane raffermo
- Imbiondire gli spicchi di aglio nell'olio (oggi aggiungiamo anche il peperoncino)
- Stufate i cardilli 
- Addizionate i pomodorini lavati e tagliati a metà
- Per ultimo unite il pane raffermo tagliato a dadini e poca acqua di cottura dei cardilli.




Ed ecco le altre ricette regionali per il tema di questo mese. 
Valle d’Aosta: Frittata alpina “fritò de montagne”
Piemonte: Torta Verde con riso e spinaci della nonna. Ricetta di Pasqua
Liguria: sbira o zuppa di trippa
Lombardia: Minestra Mariconda
Trentino-Alto Adige: Bro Brusà o Zuppa di farina abbrustolita
Veneto: Zuppa di ortiche e aglio ormino
Emilia-Romagna: Le zavardone
Toscana: La sbroscia, zuppa antica della Versilia
Marche: I frascarelli
Umbria: Passato di fave - Ricetta con fava cottora dell'Amerino
Lazio: L’acquacotta alla viterbese
Abruzzo: La Pizza Scima abruzzese
Molise: Cicoria ricamata
Campania: Cardilli, pomodori e pane
Puglia: Capriata martinese
Basilicata: L'acquasale dei pastori: ricetta povera della cucina lucana
Calabria: Pani cu ‘u salaturi
Sicilia: Pasta alla Paolina
Sardegna: Minestra ‘e Merca
Italia nel piatto: https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto/
https://www.instagram.com/italianelpiatto/
 

giovedì 1 aprile 2021

Brioche rustica con acciughe e olive


Nuovo appuntamento con gli amici del GranaioBaking-Time con ricette di lievitati dolci e salati. 
Siamo prossimi alle festività pasquali e in tante famiglie italiane in questi giorni si stanno preparando dolci e lievitati della tradizione. 
Personalmente per quest'anno non mi sono ancora dilettata con le mie colombe e non so se riuscirò a fare qualche impasto, probabilmente farò giusto qualche pastiera che, a proposito, ancora manca sul mio blog 😁
Siccome però al salato non rinuciamo, ho provato a fare una brioche rustica diversa dal solito. Per le uscite di Pasquetta i lievitati salati non mancano mai in Campania e anche se per il secondo anno consecutivo non andremo da nessuna parte non ho voluto fare a meno anche di questa tradizione.
Una brioche salata dal sapore deciso questa, se siete amanti del sapore forte che le acciughe sanno regalare allora provatela, vi piacerà di sicuro. 


Brioche rustica con acciughe e olive 
Dosi per uno stampo da 24 cm di diametro
- 350 g di farina 00
- 3 uova
- 1 cucchiaino raso di zucchero semolato
- 100 g di olio di semi
- 10 g d lievito di birra
- sale quanto basta
- 50 g di acciughe sottolio
- 150 g olive verdi (peso con i noccioli) 

- In una tazzina da caffè sciogliete il lievito di birra con lo zucchero
- Versate la farina nella ciotola dell'impastatrice, addizionate il lievito sciolto nello zucchero, l'olio, le uova e il sale. 
- Avviate la macchina e fate lavorare per 7-8 minuti
- Addizionate le olive denocciolate e le acciughe tritate.
- Fermate la macchina e trasferite il composto in uno stampo a ciambella che avrete precedentemente imburrato e infarinato. 
- Coprite con pellicola per alimenti e fate lievitare in luogo caldo fino a che l'impasto raggiunge il bordo dello stampo.
- A lievitazione avvenuta, infornate la ciambella, in forno caldo, a 180°C per circa 35-40 minuti. 
- Sfornate, lasciate intiepidire e sformate la ciambella. 




Ed ecco le altre ricette nel paniere di oggi 

giovedì 18 marzo 2021

Panbrioche con orzo, latte di cocco e gocce di cioccolato a lievitazione naturale


Eccoci con un nuovo appuntamento con le amiche del Granaio, con tante ricette di lievitati dolci e salati.
Io oggi vi propongo questo panbrioche realizzato con orzo solubile e latte di cocco, un'accoppiata di sapori che è piaciuta tanto in famiglia. Ho arricchito il panbrioche con delle gocce di cioccolato fondete che lo hanno reso ancora più goloso, ma naturalmente potrete aggiugere anche la frutta secca che preferite, come noci, nocciole, fichi, mandorle e albicocche per esempio. 
Venite con me a leggere come realizzare questo panbrioche. 


Panbrioche con orzo, latte di cocco e gocce di cioccolato a lievitazione naturale
Dosi per un panbrioche
- 400 g di farina manitoba
- 50 g di orzo in polvere
- 80 g di lievito madre attivo
- 80 g di burro a temperatura ambiente 
- 100 g di zucchero semolato 
- 1 uovo
- 200-250 ml circa di latte di cocco 
- 100 g di gocce di cioccolato fondente 

- Sciogliete il lievito in 200 ml di latte di cocco (non usate tutto il latte di cocco indicato perchè potrebbe non servire).
- Versate farina, orzo in polvere e zucchero nella ciotola dell'impastratrice
- Addizionate anche il lievito sciolto nel latte di cocco e avviate la macchina, facendola lavorare alcuni minuti: se l'impasto risulta troppo asciutto aggiungete altro latte di cocco, sempre poco per volta. 
- Addizionate l'uovo battuto a parte, poco per volta.
- Fate lavorare la macchina fino a che l'impasto non si stacca dalle pareti.
- Addizionate il burro freddo e continuate la lavorazione fino a che il composto non risulta liscio, lucido e incordato.
- Spegnete la macchina, coprite con un canovaccio e lasciate lievitare in luogo caldo fino a che la massa triplica (regolatevi con la temperatura dell'ambiente e con la forza del vosro lievito a me ci sono volute 4 ore circa).


 

- Quando l'impasto è triplicato, rovesciatelo su un piano leggeremente infarinato e stendetelo in un rettangolo alto 1,5 cm circa
- Cospargete il rettangolo con le gocce di cioccolato, poi arrotolate la pasta dal lato lungo
- Tagliate il salsicciotto in pezzi larghi 10 cm e disponete ogni pezzo in uno stampo da plumcake preventivamente rivestito con carta forno bagnata e strizzata
- Coprite con pellicola per alimenti e fate lievitare fino a che la pasta non ha raggiunto il bordo (io faccio lievitare tutta la notte)
- Quando il panbrioche è lievitato, togliete la pellicola per alimenti, pennellate con latte di cocco e infornate, in forno già caldo, a 170°C per circa 25-30 minuti. 
- Sforntae e lasciate raffreddare su gratella. 


Le altre ricette nel paniere di oggi 

giovedì 4 marzo 2021

Focaccia con porri e tonno


Primo appuntamento di marzo con le amiche del #GranaioBaking-time con tante ricette di lievitati dolci e salati.  Io oggi vi posto la ricetta di questa focaccia che ho farcito con tonno e porri ma che voi potrete arricchire con ingredienti a vostro gradimento.  

Il mio tempo già ridotto all'osso in questo periodo è diventato ancora più striminzito. Ammetto anche di avere abbandonato il mio lievito madre che per ora riposa in frigorifero con rinfreschi settimanali. A breve però dovrò trovare il tempo di rinnovarlo un po' di più perchè Pasqua si avvicina e la richiesta di colombe è gia arrivata.  
Per questo ultimamente mi sto dilettando con il lievito di birra, sia fresco che disidratato, tra ricette veloci e a lunga lievitazione. 



Focaccia con porri e tonno
Per la base 
- 350 g di farina 00
- 5 g di lievito di birra fresco
- 1 cucchiaino di sale fino
- 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
- 200 ml cirda di acqua tiepida

Per la facitura
- 3 scatolette di tonno sottolio
- 2 grossi porri
- Olio di semi 
- Sale 

Preparazione
- Sciogliete il lievito di birra in poca acqua tiepida
- Versate la farina nella ciotola dell'impastratrice, addizionate il lievito sciolto nell'acqua, 100 ml di acqua e l'olio.
- Addizionate il resto dell'acqua e il sale
- Fate lavorare bene l'impasto, poi spegnete la macchina, coprite con un panno e lasciate lievitare fino a che la massa triplicherà il suo volume.
- Intanto preparate la farcitura della focaccia: pulite i porri e tagliateli a rondelle, poi fateli appassire nell'olio caldo, fate attenzione a non bruciarli.
- Spegnete, salate e lasciate intiepidire, poi mescolate con il tonno sottolio.
- Stendete la pasta lievitata in una teglia ben oleata, pennellate con poco olio e infornate a 200 °C per circa 12 minuti
- Tirate la focaccia dal forno e coprite con la farcia preparata., poi infornate nuovamente.
- Cuocete la focaccia fino a quando i bordi e la parte sottostante risulteranno dorate. 


 

Ed ecco le altre ricette nel paniere di oggi 

martedì 2 marzo 2021

Gli scialatielli per il tema del mese dedicato ai formati di pasta della tradizione locale


Nuovo appuntamento con gli amici dell'Italia nel Piatto che questo mede dedica il suo tema ai vari formati di pasta della tradizione locale. 
Ogni regione italiana ha non uno ma tanti formati di pasta della tradizione, pensate che per le mie ricerche in Campania tra la rete e vecchi libri di cucina ne ho contanti davvero tanti.
Oggi vi parlerò degli scialatielli, una tipologia di pasta fresca molto amata nella mia regione, originaria della Costiera Amalfitana.

Gli scialatielli si preparano con farina di semola di grano duro, latte e uova, a questi ingredienti si aggiunge formaggio pecorino grattugiato e olio. Alcune ricette prevedono anche l'aggiunta di basilico fresco tritato che io non ho usato in questa ricetta perchè non ne avevo in casa. 
Nei ristorantini della Costiera Amalfitana è facile vederli serviti con un gustono sughetto di pesce, ma gli scialatielli si prestano bene per diversi condimenti, ad esempio sono ottimi abbinati con i funghi. 
Seguitemi per vedere come realizzare questo formato di pasta che per l'occasione ho condito con un sughetto di pesce. 




Scialatielli
Ingrdienti 
- 400 g di semola di grano duro
- 2 uova
- 120-140 ml di latte circa
- 40 g di percorino grattugiato
- 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

Procedimento
- Fate la fontana con la farina, rompete le uova al centro e battetele con i rebbi di una forchetta
- Aggiungete l'olio, il formaggio e il latte poco per volta mentre inziate a impastare.
- Se vi accorgete che la farina non vuole altro latte allora non usatelo tutto
- Lavorate bene l'impasto, battendolo più volte sulla spianatoia. 
- Coprite con una ciotola e fate riposare per 30 minuti circa
- Trascorso questo tempo, tirate la sfoglia in un rettangolo con lato lungo di 10 cm, a 1/2 cm di spessore
-  Arrotolate i due lati lunghi verso il centro e con un coltello affilato tagliate delle strisce larghe 1/2 cm. In alternativa potrete anche usare una rondella per la pizza e tagliare le strische direttamente dal rettangolo. 
- Trasferite la pasta su un piano polverizzato di farina fino al momento di cuocerla 




Scialatielli con cozze, gamberi e polipetti
Ingredienti
- Scialatielli realizzati come sopra
- 1 polpo medio surgelato
- 500 g di cozze 
- 200 g di gamberetti già sgusciati 
- 600 g di pomodorini ciliegino
- 1/2 bicchiere di vino bianco secco
- 1/2 cipolla
- Olio extravergine di oliva 
- Sale fino
- Pepe macinato 
- Prezzemolo 

- Fate aprire le cozze su fiamma in una padella con coperchio.
- Prelevate le  cozze dalle valve, filtrate il sughetto e tenete da parte (se volete potrete conservare qualche cozza con la valva per decorare il piatto).

- Porate a bollore l'acqua e tuffatevi il polpo ancora surgelato
- Fate cuocere il mollusco fino  a che infilando i rebbi di una forchetta nella polpa questa non risulta tenera (il tempo dipenderà dalla grandezza del polpo).
- Scolate il polpo e tagliatelo a tocchetti. 

- Tritate la cipolla e fatela appassire leggermente nell'olio
- Aggiungete i pezzi di polpo, fatelo rosolare per qualche minuto poi sfumate con il vino 
- Addizionate i pomodorini, salate e lasciate cuocere per 7-8 di minuti
- Aggiungete anche i gamberetti puliti e cuocete ancora per 5 minuti
- Per ultimo aggiungete anche le cozze con la loro acqua di cottura. 

- Mentre preparate il sughetto cuocete gli scialatielli in abbondante acqua salta per circa 5-6 minuti
- Scolateli e passateli nel tegame con il sughetto preparato. 
- Completate con una bella manciata di prezzemolo tritato e il pepe fresco macinato se gradito. 

Ed ecco le altre ricette per il tema di questo mese
Valle d’Aosta:
Gnocchi “alla bava”
Piemonte:Tajarin, i tagliolini piemontesi al Ragù di Cinghiale
Liguria:
farfalle con piselli e prosciutto
Lombardia:
Ravioli alla valtellinese con fonduta di taleggio e bresaola
Trentino-Alto Adige:
Veneto:
Bigoli al ragù d’anatra
Friuli-Venezia Giulia:
Emilia-Romagna:
I balanzoni bolognesi
Toscana:
Pappardelle al ragù bianco di coniglio
Marche:Cargiù marchigiani
Umbria:
Manfricoli di Narni, pasta fresca senza uova
Lazio: Le fettuccine all’uovo
Abruzzo: Taccozze e lenticchie
Molise: Crioli o lacci delle scarpe al ragù di agnello
Puglia:
Troccoli con le vongole
Basilicata:
I cavatelli
Calabria: Pasta chijna cu u stoccu
Sicilia: Busiate Trapanesi con Matarocco Maissalisi
Sardegna: Spizzulus di Orroli al Cannonau
Italia nel piatto: https://www.facebook.com/LItaliaNelPiatto/
https://www.instagram.com/italianelpiatto/
 

giovedì 18 febbraio 2021

Panbrioche farcito con crema alla nocciola



Eccoci con un nuovo appuntamento con le amiche del Granaio-Baking-Time che anche questo giovedì vi delizieranno con le loro ricette di lievitati dolci e salati. 
Io vi posto la ricetta di questo panbrioche farcito con crema spalmabile che, a dispetto delle foto davvero bruttine, è venuto buonissimo, tanto che le sue fette hanno fatto letteralmente una tira l'altra. Infatti mi sono detta che per amore della mia linea non lo farò più 😂😂

La ricetta è molto semplice da realizzare e può essere fatta sia con pasta madre che con lievito di birra. Per la farcitura potrete optare per la crema che preferite, non so con le confetture come verrebbe perchè non ho ancora provato, ma appena mi saranno passati in sensi di colpa ci farò un pensierino. 😇





Panbrioche farcito con crema alla nocciola
Per la base
- 480 g di farina mannitoba 
- 80 g di burro a temperatura ambiente
- 80 g di zucchero semolato 
- 1 uovo
- 200 ml di latte
- 100 g di pasta madre attiva oppure 10 g di lievito di birra fresco 
Per la farcitura
- Crema alla nocciola spalmabile

Procedimento 
- Sciogliete il lievito nel latte, poi aggiungetelo insieme alla farina e allo zucchero nella ciotola dell'impastatrice. 
- Avviate la macchina e come la massa inizia a formasi unite l'uovo battuto a parte. 
- Fate lavorare bene l'impasto, finchè non si stacca dalle pareti, poi aggiungete il burro in tre riprese, attendendo che la precendete sia stata ben assorbita.
- Fate lavorare bene l'impasto che devere risultare liscio, lucido e ben incordato, poi spegnete la macchina e fate lievitare fino a che triplica di volume (se usate pasta madre ci vorrà più tempo, anche 6-8 ore mentre con lievito di birra i tempi sono ridotti).
- Quando l'impasto sarà triplicato, rovesciatelo su un piano infarinato e stendetelo con un mattarello allo spessore di 1/2 cm, cercando di formare un rettangolo. 
- Spalmate sulla pasta la crema alle nocciole, poi arrotolate per formare un salsicciotto.
- A questo punto trasferire il salsiccioto in uno stampo da plumcake, se troppo lungo può essere diviso in due metà e riposto in due diversi stampi.
- In alternativa, potrete anche tagliare il salsicciotto in fette spesse 4-5 cm che disporrete in modo sfalsato nello stampo da plumcake.
- Coprite con pellicola per alimenti e fate lievitare in luogo caldo. Se usate pasta madre ci vorrà tutta la notte.
 - Quando l'impasto avrà raggiunto il bordo dello stampo pennellatelo con poco latte e infornatelo a 170°C per circa 25-30 minuti. 


Ed ecco le altre ricette nel paniere di oggi

giovedì 4 febbraio 2021

Ciambelline all'olio variegate al cacao


Eccoci con un nuovo appuntamento con la rubrica del #Granaio Baking-Time. In questo periodo sono sempre di corsa e alla ricerca di merende per la colazione da fare in poco tempo. Queste ciambelline oltre che essere super veloci sono rese molto leggere dalla presenza dell'olio nell'impasto. 
Se non avete lo stampo per ciambelline (io uso quello di silicone) potrete optare tranquillamente per stampi da muffin, anche quelli di carta usa e getta. 


Ciambelline all'olio variegate al cacao 
- 150 g di farina 00
- 50 g di fecola
- 1 cucchiaio di cacao amaro 
- 3 cucchiai di latte
- 120 g di zucchero semolato 
- 100 ml di olio di semi 
-  2 uova
- un pizzico di sale
- Aroma vaniglia 
- 1/2 bustina di lievito per dolci 

Preparazione
- Lavorate le uova con lo zucchero semolato, il pizzico di sale e l'aroma vaniglia fino a ottenere un composto gonfio e cremoso
- Addizonate l'olio a filo 
- Per ultimo aggiungete le farine miscelate con il lievito, poco per volta, alternando con 2 cucchiai di latte.
- Dividete il composto in due parti e distribuite la parte bianca  negli stampi a ciambella, oppure versatela nei pirottini per muffin.
- Versate il cacao e il cucchiaio di latte nell'impasto bianco avanzato e mescolate per amalgamare gli ingredienti.
- Distribuite anche l'impasto al cacao negli stampi per ciambelline. 
- Infornate le ciambelline a 170°C per circa 18 minuti, sfornatele come iniziano a colorire, fate la prova stecchino dopo 15 minuti. 
- Sfornate e lasciate raffreddare su gratella. 


Le ricette nel paniere di ogg
Carla
crakers al cacao
Monica Torta di albumi e confettura di albicocche
Natalia
Ciambelline all’olio, variegate al cacao
Sabrina Brioche alle arance
Simona Pane 100% integrale di grano tenero e duro (tumminia)
Zeudi
Panini morbidi all’avena

martedì 2 febbraio 2021

Rustico napoletano di frolla con ricotta e salame Napoli


Nuovo appuntamento con la nostra rubrica dell'Italia nel Piatto. Il tema di questo mese è tutto dedicato ai salumi e agli insaccati tipici locali, pertanto ogni regione vi descriverà un prodotto autocno, suggerendovi come consumarlo, magari anche per qualche ricetta. 

In Campania è tradizione, a partire da gennaio, produrre in casa gli insaccati di maiale. La nostra produzione è vasta e l'elenco di salumi assai lungo. Sono ancora molte le famiglie che oggi si riunisco nei mesi freddi dell'anno per lavorare la carne suina e produrre soppressate, salsicce, pancetta tesa e/arrotolata, capicollo, prosciutto, lardo, sugna, cigoli etc. 
Ogni famiglia ha poi la sua variante personale e in alcuni luoghi si preparano salumi abbastanza particolari, tipici della zona. Ad esempio in diverse zone della regione è tradizione preparare la "salsiccia di polmone", fatta con frattaglie varie.

Oggi però vi descriverò un prodotto che si trova facilmente in tutti i supermercati ma che fa parte della nostra tradiozione culinaria: il salame Napoli. Per intederci, quello che usiamo mettere sulla pizza, nei panini napoletani, nel casatiello, nella pizza chiena (anche se in questa in alcuni luoghi la tradizione vuole la soprressata) e in questi rustici di cui vi parlerò tra poco. 

Il salame Napoli è un insaccato tipico campano fatto con carni suine aromatizzate. Per la sua produzione si utilizza la parte più magra della carne del prosciutto di spalla, della lombata, della coppa e della coscia a cui è aggiunto il grasso in percentuale fissa. Carne e grasso vengono macinati, salati, aromatizzati e insaccatti in budelli naturali. Segue una stagionatura e un'affumicatura. La durata della stagionatura varia in fuzione della pezzatura, comunque sempre superiore a un mese. 

Come già accennato il salame Napoli è molto utilizzato nella cucina campana, sopratuto per le preparazioni rustiche. Naturalemente questo salume è ottimo anche gustato con il pane e spesso viene servito con altri insaccati come antipasto misto nei pranzi di famiglia.

Molto usato



Rustici napoletani di frolla con ricotta e salame Napoli
Per la frolla
- 400 g di farina 00
- 160  di zucchero semolato
- 160 ml di olio di semi
- 3 uova
- 1/2 cucchiaino di lievito per dolci
Per il ripieno 
- 300 g di ricotta 
- 100 g di salame Napoli
- 1 uovo 
- Sale
- Pepe
- 40 g di formaggio grattugiato 
E ancora
- 1 tuorlo per pennellare 

Prepariamo la frolla
- Fate la fontana con la farina sulla spianatoia, versate al centro il resto degli ingredienti e impastate con le dita (se avete un'impastatrice potete tranquillamente versate tutti gli ingredienti nella ciotola e avviare la macchina).
- Formate un panetto morbido e omogeno, avvolgetelo in pellicola e lasciatelo riposare per un paio di ore in frigorifero.

Prepariamo il ripieno
- Lavorate la ricotta con una spatola di legno, addizionate l'uovo, il sale, il formaggio grattugiato e il pepe.
- Amalgamamte gli ingredienti e aggiungete il saleme Napoli tagliato a tocchetti piccoli

Prepariamo i rustici
- Tirate la frolla fuori da frigorifero e stendetela con il mattarello, su un piano infarinato, allo spessore di crica 1/2 cm.
- Rivestite dei piccoli stampi, per rustici o crostatine,che avrete precedentemente imburrato e infarinato.
- Riempite il guscio di frolla con abbondante composto alla ricotta e salme.
- Stendete nuovamente la frolla avanzata e ricavate i coperchi per i rustici (io utilizzo uno degli stampi per intagliare il coperchio nella forma giusta).
- Sigillate bene i bordi di ogni rustico poi bucherellate con i rebbi di una frochetta (in questo modo in cottura i rustici non scoppieranno).
- A parte battete l'uovo con 1 cucchaio di acqua e pennellate ogni rustico.
- Infornate a 180°C fino a doratura dei rustici, circa 30-35 minuti. 







Ed ecco le altre ricette regionali per il tema di questo mese 

Piemonte: Il Filetto Baciato di Ponzone: "Salumi e Insaccati Regionali" per l'Italia nel Piatto https://www.lacascatadeisapori.it/il-filetto-baciato-di-ponzone-salumi-e-insaccati-regionali-per-litalia-nel-piatto/
Trentino-Alto Adige: Mortandela con tortel di patate
Friuli-Venezia Giulia:
Emilia-Romagna: Filetto di maiale con coppa piacentina Dop e albicocche essiccate https://zibaldoneculinario.blogspot.com/2021/02/filetto-di-maiale-con-coppa-piacentina.html
Campania: Rustico napoletano di frolla con ricotta e salame Napoli https://fusillialtegamino.blogspot.com/2021/02/rustico-napoletano-di-frolla-con.html
Basilicata: Salsiccia ai semi di finocchietto: antichi sapori lucani https://www.quellalucinanellacucina.it/salsiccia/








 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...