lunedì 20 maggio 2013

Taieddhra Riso, Patate e Cozze

 
Adoro l'MTC per le mille possibilità che ti regala!
Il confronto, la sfida giocosa, le nuove conoscenze, lo scambio di consigli, la voglia e la possibilità di scoprire le origini e i tanti modi di interpretare un piatto. Si parte da una ricetta è se ne scoprono tante varianti grazie alle abili capacità di chi vi partecipa.
Questo mese Cristian ci propone riso, patate e cozze e ci regala la sua ricetta di famiglia, quella della sua mamma e i suoi utilissimi consigli scaturiti dall'esperienza preziosa di un piatto che si tramanda di generazione in generazione con le sue piccole o grandi varianti, come succede per tutte le ricette tipiche di un luogo!
Io che non ho mai cucinato questo piatto l'ho ripetuto tal quale, senza interpretazioni personali!
In famiglia è piaciuto tanto, anche il giorno dopo! E' certo che cucinata nel suo luogo di origine avrà un sapore tutto suo che mi piacerebbe scoprire un giorno. Chissà!


Taieddhra riso, patate e cozze
Dalla ricetta di Cristian
Dosi per 4/6 persone
- 300 g di riso
- 1 Kg e mezzo di cozze
- 2 patate grandi
- 3 zucchine
- 1 cipolla
- 5 pomodorini ciliegino
- formaggio grattugiato (metà pecorino e metà grana)
- Olio evo (di produzione propria)

- Pulire per bene le cozze ed aprirle sul fuoco senza farle cuocere troppo
- Una volta aperte, prelevarle da guscio e conservare la loro acqua di cottura
- Pulire e tagliare a rondelle le patate, le zucchine e la cipolla, mescolare tutto insieme e condirle con poco olio
- Sciacquare il riso sotto l'acqua corrente
- In un tegame disporre alla base parte di patate, zucchine e cipolla, quindi tutto il riso in uno strato sottile, i pomodorini tagliati a metà, le cozze e metà del formaggio grattugiato, coprire con le rimanenti patate e zucchine e formaggio grattugiato
- Coprire con l'acqua delle cozze ed un mestolo di brodo coprendo a filo la taieddhra, irrorare con un filo di olio
- Infornare a 160°C per 1 ora abbondante
 
Note
- Io ho usato un mestolo di brodo preparato con carota, patata e bietola (quello del bambino quindi senza sale) ma se non ne avete Cristian consiglia anche semplice acqua
 
Con questa ricetta partecipo all'MTC di maggio

 
 
 
 
 
 

17 commenti:

  1. Ric me ne parla sempre del riso con patate e cozze.. deve essere squisito! :-) baci e buon lunedì!

    RispondiElimina
  2. Perfetto Natalia, classica, ben presentata ed invitante!
    Grazie mille
    Dani

    RispondiElimina
  3. non ho mai provato questo piatto ma deve essere spaziale!

    RispondiElimina
  4. perfetta direi!! spero ti sia piaciuta come è piaciuta a me quando l'ho fatta la prima volta ;-) bacioni :-X

    RispondiElimina
  5. io non mi sono ancora cimentata, ma dopo il tuo incoraggiamento devo mettermi all'opera!

    RispondiElimina
  6. Questo è lo spirito di MTC, bellissima la tua ricetta.
    Baci.

    RispondiElimina
  7. Ciao Natalia!
    Sono contento che ti sia piaciuto questo piatto che hai scelto di preparare nella mia versione. Si vede che è ben riuscito e complimenti per le cozze che hai utilizzato, sembrano bellissime :-)
    Grazie mille!
    Cristian

    RispondiElimina
  8. Una taieddhra così mette fame già di prima mattina :D! Un bacio, buona giornata

    RispondiElimina
  9. Mi pare proprio che ti sia venuta perfettamente!!

    RispondiElimina
  10. Complimenti!! Riuscitissima e buonissima!!

    RispondiElimina
  11. Perfetta questa tua taieddhra tradizionale :)

    RispondiElimina
  12. Mi hai fatto venire voglia di rifarla, così come ce l'ha proposta Cristian. :-)
    Bravissima!

    RispondiElimina
  13. ottima anche con le cozze! :D
    da rifare molto presto, gnam! :P

    RispondiElimina
  14. La voglia di preprararla così com'è è fortissima perché è già molto buona di suo. Bella come l'hai decorata sopra.

    Fabio

    RispondiElimina
  15. Concordo con te sulla tentazione di provarla con gli ingredienti del luogo: d'altronde, questo è un piatto in cui la tradizione va a braccetto col territorio, per cui son sicura che in Puglia deve avere un sapore tutto speciale. Però, anche così deve essere stata ottima, a quello che vedo! e hai fatto benissimo ad usare il brodo del piccino (a proposito: come state?): è delicato, senza sale... una preparazionecome questa può solo guadagnarci in sapore. Grazie ancora

    RispondiElimina
  16. Bella e bellissime le foto: quei piattini dipinti con il pesce sono davvero simpatici!! Non vedo l'ora che arrivi l'ora di pranzo per mangiarla ancora! :D

    RispondiElimina
  17. Natalia è bellissima la tua versione, e l'idea di utilizzare un brodo leggero è da tener presente per la prossima volta! ;-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...